Skip to content

Leopoldo di Lorena, la scuola che promuove il territorio

Turismo, agricoltura, enogastronomia e non solo: sei indirizzi, rapporti con le aziende, ricerca. Qui si trova lavoro. Ecco gli open day per conoscere la scuola
I ragazzi di enogastronomia in cucina

LO SPECIALE LEOPOLDO DI LORENA

GROSSETO. Una scuola che guarda al futuro e promuove le risorse del territorio. Così ama definirsi l’Istituto Leopoldo di Lorena, sede in via Dei Barberi ma, di fatto, scuola diffusa in varie zone di Grosseto e non solo, avendo sei indirizzi diversi:

  • tecnico agrario,
  • enogastronomico,
  • chimico,
  • estetico e del benessere,
  • agricoltura e sviluppo rurale,
  • sanità e assistenza sociale

Sei indirizzi che attirano studenti non solo dalla Maremma, ma anche da fuori provincia.

«Il nostro territorio – dice Cinzia Machetti, dirigente dell’istituto – si basa essenzialmente su agricoltura e su turismo. La nostra è una terra che vive in gran parte di questo, le industrie più grandi sono legate alla trasformazione dei prodotti agricoli. Siamo stati da una parte sfortunati, perché in questa zona non passano le grandi infrastrutture stradali e ferroviarie, ma da una parte questo ha consentito la conservazione di un ambiente che tutto il mondo ci invidia. Questa è la scuola che prepara e forma per il settore agricolo e turistico. In più c’è il sociale, con il socio sanitario e anche con l’indirizzo estetico».

Il Lorena, una scuola d’eccellenza

«Sì, siamo una scuola di eccellenza – prosegue la preside -. Abbiamo uno dei due centri di ricerca d’Italia abbinati alla scuola, che è il Crisba (Centro Ricerche Strumenti Biotecnici nel settore Agricolo-forestale, ndr) quindi i nostri ragazzi non hanno solo la possibilità di studiare, ma anche di avere relazioni con le maggiori università, che vanno da Bari a Milano, passando per Siena, Pisa e Firenze e anche Liegi, in Belgio, e questo permette loro di avere esperienze che, di solito, nelle scuole non si fanno. E anche di avere rapporti con aziende di ottimo livello».

Esercitazione nel vigneto dell’azienda a Macchiascandona

«Fra l’altro siamo scuola capofila dell’Its (la formazione post-diploma, ndr) e anche questo è uno sbocco ulteriore per i nostri ragazzi. Non ci dimentichiamo che non tutti vanno all’università e non tutti hanno la vocazione di proseguire gli studi per 4-5 anni. Fra l’altro gli insegnanti che operano nell‘Its sono formatori delle aziende che dovranno prendere i ragazzi. L’informazione è mirata all’inserimento nel mondo del lavoro e questo è fondamentale»

Quindi chi viene qui, studia e si impegna, esce e trova lavoro

«Certo, qui chi studia e si impegna il lavoro lo trova di sicuro. Ora stiamo ristrutturando anche il poderino, il podere Risorgimento, la vecchia azienda dell’Agraria, dove nasceranno i laboratori territoriali che si occuperanno di agricoltura di precisione, di brevetti, ne abbiamo in cantiere uno sulla protezione degli animali di allevamento dai lupi. Saranno ulteriori laboratori oltre a quelli all’avanguardia che già abbiamo. Abbiamo un laboratorio di chimica moderno, abbiamo più di una stampante 3D, abbiamo microscopi elettronici, estrattori, macchine da fare invidia a una grande azienda».

Il laboratorio di micropropagazione

Sei indirizzi, sei percorsi, per trovare lavoro

«Di istituto agrario in provincia ci siamo solo noi. Ma stiamo migliorando anche l’offerta dell’alberghiero, abbiamo fatto la quarta cucina, facciamo un altro bar nella sala grande, dove abbiamo anche l’open restaurant il lunedì e il giovedì: si mangia con 10 euro. E poi facciamo gli eventi istituzionali, in prefettura ad esempio, o Santa Barbara con i vigili del fuoco. Il guadagno viene reinvestito nelle derrate, perché ogni giorno facciamo la spesa e produciamo piatti di altissimo livello».

Poi c’è la fattoria di Macchiascandona

«Quella è la nostra azienda dove i ragazzi fanno attività, in tutto abbiamo circa 90 ettari. Ora ci abbiamo anche riportato le mucche, lì si fa attività vera, gli studenti si misurano con la professione».

La scuola organizza una serie di OPEN DAY per conoscere i vari indirizzi.

VEDI TUTTI GLI OPEN DAY DEL LORENA

 

LEGGI ANCHE:

Al Lorena prima studi poi entri subito al lavoro | MaremmaOggi

Diventare estetista è facile: basta iscriversi al Lorena | MaremmaOggi

Al Lorena si diventa tecnici chimici e biotecnologici | MaremmaOggi

Al Lorena come essere al grand hotel | MaremmaOggi

Le giornate aperte dell’istituto Leopoldo II di Lorena | MaremmaOggi

La scuola che prepara allo sviluppo agricolo | MaremmaOggi


Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati