Skip to content

Seggiano Dop, quando l’oro è verde

L’olio prodotto con olivastra seggianese ha caratteristiche uniche, ricco di antiossidanti e vitamina E
La raccolta delle olive a Seggiano
La raccolta delle olive a Seggiano

SEGGIANO. Un oro verde, intenso, profumato e piacevole in bocca. Un gioiello prezioso dell’Amiata. L’Olio di Seggiano Dop è il prodotto d’eccellenza di questa terra meravigliosa.

Dal 2002 quest’olio particolare è tutelato da un Consorzio, costituito da alcuni imprenditori della zona e poi allargatosi negli anni. Molte, infatti, le peculiarità di questo olio d’oliva che devono essere preservate: una cultivar autoctona, particolarmente resistente agli inverni rigidi, che copre le pendici nord occidentali del monte Amiata con oliveti secolari che si estendono fino ai 600 metri sopra il livello del mare; un aroma e un gusto singolare, quello dell’olivo di montagna; le sue proprietà nutritive e curative, caratterizzate da un’alta percentuale di sostanze antiossidanti e vitamina E.

La cultivar olivastra seggianese, caratteristica dell’Amiata

L’olivastra seggianese è una specie botanica autoctona diffusa attorno al monte Amiata, in particolare sul versante nord-ovest. Acclimatatasi ad una quota tra i 200 e i 650 metri è diffusa nei comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano e Semproniano.

L’olio extravergine di oliva Seggiano Dop è ottenuto da olive cultivar olivastra seggianese che devono essere presenti in una percentuale minima dell’85%.

«Ha colore verde con toni giallo dorato – si legge sul sito del consorzio – con odore fruttato fresco, pulito, netto di oliva, con note erbacee di carciofo e aromi secolari di frutta bianca e con sapore pulito, netto, con note erbacee che ripercorrono i toni olfattivi, carica amara e piccante in buona armonia». Qui tutte le aziende del consorzio.

Le caratteristiche del Seggiano Dop – Diego Ceccarini, fondazione Le Radici di Seggiano

GUARDA IL VIDEO SU YOUTUBE

LEGGI ANCHE – Seggiano, il paese che spezzò la catena

LEGGI ANCHE – La ricetta della Scottiglia

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati