Skip to content

Capalbio, Chelini: «Qui tanti vaccinati, ma non basta»

Il sindaco fa il punto sulle vaccinazioni in paese: «Alte percentuali negli over 50, ma dobbiamo proseguire»
Capalbio e il sindaco Chelini
Capalbio e il sindaco Chelini

CAPALBIO. Il paese di Capalbio è fra quelli, in Maremma, con il più alto numero di vaccinati.

Lo sottolinea il sindaco, Gianfranco Chelini: «L’incremento esponenziale dei contagi rende difficile, come abbiamo potuto apprendere in questi giorni, il tracciamento dei positivi. L’azienda sanitaria invia regolarmente il suo bollettino, ma al momento il sistema di comunicazione con i sindaci (Sispc) non è aggiornato e non riusciamo, quindi, a dare informazioni precise circa il numero delle persone positive attualmente in sorveglianza nel nostro comune».

«Per questo motivo ci stiamo limitando a fornire informazioni sul numero dei contagi registrati nelle 24 ore precedenti».

Capalbio, alto il numero dei vaccinati

«Abbiamo però – prosegue Chelini – un dato molto significativo, che è quello che riguarda la vaccinazione al 31 dicembre: nel nostro territorio comunale abbiamo una buona adesione alla campagna vaccinale, e questo dimostra un grande senso di responsabilità da parte dei capalbiesi.

  • Nella fascia di età che va dai 90 anni in su, abbiamo il 64,62% dei cittadini vaccinati con terza dose e il 78,46% dei vaccinati con seconda dose
  • Nella fascia di età 80-89, registriamo l’ 79,41% delle vaccinazioni con terza dose e il 88,89% dei vaccinati con seconda;
  • tra i 70 e 79 anni registriamo il 61,71% con terza dose e l’87,32% con seconda;
  • tra i 60 e i 69 anni, i numeri si attestano sul 36,85% con terza dose e l’82,31% con seconda;
  • tra i 50 e i 59, abbiamo il 31,91% con terza dose e l’84,81% con seconda.

Il mio invito è a proseguire con il ciclo vaccinale, perché solo così possiamo proteggerci e proteggere gli altri dal virus. Teniamo duro e sconfiggiamo, insieme, questa terribile pandemia».


 Non ti perdere una notizia, iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati