Skip to content

Un Tesorobus per i bambini africani

MaremmaDakar e Tiemme hanno raccolto la sfida: un rally per portare l’autobus in Senegal
Il Tesorobus alla Fiera del Madonnino
Il Tesorobus alla Fiera del Madonnino

GROSSETO. Esiste un villaggio in Africa, dove i bambini che vivono in un orfanotrofio devono percorrere ogni mattina diversi chilometri per andare a scuola. Sono i bambini del villaggio di Kabrousse, in Senegal, i protagonisti di questa bella avventura firmata MaremmaDakar e Tiemme. Dopo il primo evento dello scorso luglio a Marina di Grosseto, il “Tesorobus” che prenderà la strada dell’Africa, domenica ha fatto tappa alla Fiera del Madonnino. Per raccontare a grandi e piccini una storia straordinaria, scritta proprio dai soci della MaremmaDakar, uomini appassionati di moto e di Africa, che hanno deciso di partecipare al rally benefico “Rust2Dakar”, dal 27 dicembre al 9 gennaio.

Tutti a scuola

L’autobus che raggiungerà il villaggio africano è stato donato da Tiemme: sarebbe stato rottamato se l’associazione guidata dal presidente Piero Picchi non avesse proposto alla società di trasporto pubblico locale la possibilità di trasformare quel mezzo ormai vecchio in un vero e proprio tesoro. «Grazie all’associazione umanitaria Tavolo 8 – spiega Picchi – abbiamo saputo che l’autobus che veniva utilizzato per accompagnare i bambini dell’orfanotrofio di Kabrousse a scuola si era guastato. Abbiamo così messo in piedi questa iniziativa e abbiamo cominciato a lavorare per realizzare il sogno di quei bambini».

MaremmaDakar ha coinvolto le istituzioni, incassando la collaborazione del Comune di Grosseto e del Quarto stormo.  Ed è riuscita a raccogliere materiale dismesso come banchi, sedie e lavagne, allestendo così una vera e propria scuola itinerante con il bus donato da Tiemme.

Un viaggio avventuroso

Il team di MaremmaDakar che partirà da Verona il 27 dicembre con il Tesorobus, è composto da Piero Picchi, Valdimiro Brezzi, Roberto Ulmi, Fabrizio Giustini, Massimo Gilibero, Antonio Faralla, Piero Brezzi ed Enrico Priami. Dall’Italia, l’autobus attraverserà il Marocco, la Mauritania e il Senegal, toccando le città di Tangeri, Dakar e Banjul, percorrendo circa 6.000 chilometri. L’autobus, a Grosseto, sarebbe diventato un rifiuto speciale. Grazie a MaremmaDakar diventerà un mezzo indispensabile per i bambini dell’orfanotrofio di Kabrousse.

Tutte le aziende potranno salire a bordo del Tesorobus e contribuire a questo bellissimo progetto. Per maggiori informazioni www.bambinineldeserto.org e www.tavolo8.org.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati