Skip to content

Scoprire l’Ombrone con “Grosseto città di fiume”

Il programma, organizzato dall’associazione Terramare, la Uisp e il Comune, prevede escursioni, trekking, rafting e due giornate dedicate alla pulizia del fiume
un tratto dell'Ombrone
Un tratto del fiume Ombrone © Manfredo Pinzauti

GROSSETO. Torna per il quarto anno consecutivo il progetto “Grosseto città di fiume”, promosso dall’associazione Terramare, insieme alla Uisp e al Comune di Grosseto per far conoscere l’Ombrone e imparare a rispettarlo. Le radici del capoluogo maremmano e del suo territorio, del resto, sono indissolubilmente legate al suo fiume, il secondo della Toscana, fonte di vita e ricchezza in passato, quanto di distruzione e morte fino ai giorni nostri.

In programma escursioni con guide ambientali esperte nei luoghi simbolo dello stretto legame tra la città e il corso d’acqua, trekking, discese e rafting sul fiume, ma anche due giornate, in primavera e in autunno, dedicate alla pulizia delle rive nel tratto più vicino al centro abitato. Le attività sono rivolte in particolare agli studenti e ai gruppi organizzati, ma in generale sono aperte a tutta la cittadinanza.

«“Grosseto, città di fiume” un progetto consolidato, fondamentale per comprendere la natura e le peculiarità dell’ambiente fluviale, imparare a conoscerlo e a rispettarlo. Quindi rivestono particolare importanza le iniziative rivolte più giovani, occasione di crescita e di conoscenza del potenziale che a livello ambientale, sportivo e turistico l’Ombrone rappresenta per Grosseto e la Maremma», affermano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna, l’assessore al Turismo, Riccardo Megale, e l’assessore alla Cultura, Luca Agresti, che ha curato il progetto in questi anni.

«Dal 2015 la nostra Associazione insieme a Uisp – dichiara Maurizio Zaccherotti, presidente di Terramare – sperimentano attività per valorizzare la valle dell’Ombrone attraverso iniziative culturali, sportive, turistiche e di sensibilizzazione ambientale. Anche quest’anno, abbiamo siglato un accordo con il Comune per  promuovere la cultura delle attività fluviali, la storia della Maremma legata all’Ombrone e la comunità di fiume.

Il nostro obiettivo è far diventare questo grande corso d’acqua un elemento vitale per tutto il territorio, in grado di stimolare studenti, turisti e ricercatori. Crediamo che la valle del fiume Ombrone e la città di Grosseto possano diventare un collegamento importante tra mare e interno, una palestra a cielo aperto per attività di vario tipo con ricadute economiche positive sulle attività ricettive e sull’immagine del comune di Grosseto».

Il casello idraulico vicino a Bocca d'Ombrone
Il casello idraulico vicino a Bocca d’Ombrone ©Manfredo Pinzauti

Il programma dell’edizione 2022

Il programma messo a punto da Terramare, Uisp e Comune prevede numerose iniziative di interesse storico-culturale, ambientale, sociale e sportivo:

  • “Grosseto Ombrone e luoghi di storia” – 4 escursioni con guida ambientale e guida turistica per scoprire Grosseto e alcuni luoghi importanti legati dal fil rouge del fiume e della bonifica: le mura medicee, la pineta del Tombolo, Le Marze, gli Usi civici di Batignano, la foce dell’Ombrone e i “chiari” di Principina
  • 4 discese rafting con escursioni in golena per gli studenti delle scuole superiori e medie del comune di Grosseto (tra marzo e giugno). Prima delle attività vere e proprie i ragazzi vengono preparati su come si formano i fiumi, quali sono le caratteristiche della vegetazione riparia, il flusso della corrente e l’azione erosiva, i principali fattori d’inquinamento del fiume e del mare, le linee guida su come comportarsi in caso di alluvione. Non ultimo un accenno sui Contratti di fiume, introdotti in Italia e in Europa con il secondo Forum mondiale dell’acqua del 2000, e su come aderire
  • 2 giornate di “pulizia del fiume” (una a primavera ed una ad autunno) lungo il tratto urbano tra San Martino e il Berrettino, a pochi chilometri dalla città e a ridosso del Parco Ombrone di via Leoncavallo. Questo genere di attività, dal valore altamente educativo e sociale, verranno curate d operatori e soci dell’associazione Terramare/Uisp insieme alle scuole.

Per informazioni e prenotazioni, visitare il sito di Terramare, inviare una mail a ass.terramare@gmail.com o telefonare ai numeri 3402600957 e 3381784255.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati