Skip to content

Tavarelli: «Decisiva la crescita sostenibile del territorio»

L’avvocato castiglionese si ripresenta dopo 10 anni da capogruppo. Ha portato all’approvazione il regolamento urbanistico e il piano regolatore del porto di Punta Ala

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Dopo 10 anni da capogruppo con il sindaco Farnetani, nei quali, fra le altre cose, ha portato all’approvazione il regolamento urbanistico e il piano regolatore del porto di Punta Ala, l’avvocato Fabio Tavarelli, 55 anni, si ripresenta come candidato al consiglio comunale. È in lista con il Pd, in sostegno della candidata sindaca Elena Nappi.

Titolare di uno dei più grandi studi legali della Toscana e di aziende che, sul territorio, danno lavoro a decine di persone, Tavarelli è un castiglionese doc e, da sempre, si prende cura del suo paese. Concreto, pragmatico, innovativo, fra le altre cose ha scritto le regole per la crescita di Castiglione.

La crescita sostenibile del territorio

«Ho lavorato – ci dice – per conseguire due risultati: una crescita sostenibile al contempo conservare il valore del nostro territorio. Per farlo, sono riuscito a approvare il primo regolamento urbanistico del comune di Castiglione; l’ultimo risaliva a 37 anni prima; ho anche portato in approvazione il piano regolatore del porto di Punta Ala, grazie al quale la marina verrà ammodernata e aumenterà la capienza di oltre 200 posti barca, ed anche 12 piani attuativi di iniziativa privata».

«Gli strumenti urbanistici vanno però rinnovati; pertanto ho avviato i procedimenti per approvare il nuovo piano strutturale e il piano regolatore portuale del porto di Castiglione».

Saper pianificare e scrivere regole sostenibili

«Nella pubblica amministrazione i tempi di formazione degli atti sono lunghi e richiedono l’intesa tra più enti. Saper pianificare e scrivere regole sostenibili è quello che trasforma le parole in fatti. Ho quindi accettato di candidarmi perché Castiglione continui a mantenere il suo valore e allo stesso tempo risponda alle esigenze delle persone».

Condividi

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter

Articoli correlati