Skip to content

Patrizio Bertelli si prende Cala di Forno

L’Ad di Prada firma il preliminare di acquisto dalle sorelle Vivarelli Colonna per oltre 18 milioni di euro. Da capire il futuro dell’area
La spiaggia di Cala di Forno

MAGLIANO IN TOSCANA. È il quotidiano Il Domani a lanciare l’allarme, ma in Maremma se ne parlava da tempo: Patrizio Bertelli ha messe le mani su Cala di Forno. Una trattativa che andava avanti da tempo con le sorelle Sabina, Francesca e Antonella Vivarelli Colonna, cugine del sindaco di Grosseto e che, a fine settembre ha visto la firma del preliminare di acquisto, per una cifra poco superiore ai 18 milioni.

Sia chiaro, l’Ad di Prada non ha comprato la meravigliosa spiaggia, che resta pubblica e nei confini del Parco della Maremma, ma il complesso di proprietà della famiglia Vivarelli Colonna da 5 secoli e che comprende una vasta area di parco, la villa, la struttura ricettiva, anche l’antica Dogana.

Il progetto di Patrizio Bertelli, da sempre legato alla Maremma fin dai tempi di Luna Rossa a Punta Ala, è di farci una casa, di gran lusso, per l’estate. Niente di più, visto che ci sono vincoli importanti. Non sarà neppure facile ottenere i permessi per una sorta di attracco per barche, visto che il fondale è molto basso e l’area tutelata. Il suo yacht, con cui ha girato in lungo e largo davanti alla costa della Maremma questa estate, dovrà restare a grande distanza.

Daini a Cala di Forno
Daini a Cala di Forno

Da capire come sarà gestito l’accesso alla spiaggia a piedi, che impegna in una lunga camminata, ma che molti affrontano anche per ammirare le grandi bellezze del luogo. Al momento un accordo fra Parco e famiglia Vivarelli Colonna consentiva il passaggio anche in zone di proprietà. E non crediamo che Bertelli voglia impedire la fruizione della spiaggia più selvaggia e caratteristica della Maremma.

IL VIDEO – GIOCANO IN ACQUA

IL VIDEO – LA SPIAGGIA DESERTA

 

Sempre informato con Maremma Oggi – Iscriviti ai canali Telegram e YouTube

Vuoi ricevere la nostra newsletter con le notizie principali? Clicca qui e iscriviti

 

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati