Skip to content

Non si ferma all’alt dei carabinieri, denunciato

L’uomo è finito con l’auto contro un tronco ed è scappato a piedi nel bosco lasciando in auto la moglie: aveva la patente sospesa
I carabinieri con gli arnesi sequestrati a Massa Marittima www.maremmaoggi.net
I carabinieri con la roncola e il piede di porco sequestrati

MASSA MARITTIMA. Era stato notato alla guida della propria auto in una zona particolarmente isolata del comune di Massa Marittima e gli avevano imposto l’alt. Ma nel preciso momento in cui i carabinieri avevano mostrato la paletta all’auto, facendo segno di accostare, avevano riconosciuto il guidatore, un uomo che ha già avuto diversi guai giudiziari e che ora è sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria proprio alla tenenza dei carabinieri di Massa Marittima.

Inseguimento mozzafiato poi la fuga

Gli stessi militari, tra l’altro, mesi addietro avevano revocato all’uomo la patente di guida, sorprendendolo poi di nuovo alla guida nonostante il provvedimento. Nella serata del 9 dicembre, dopo l’intimazione dell’alt da parte della pattuglia, l’uomo ha pensato di tirare dritto, aumentando la velocità. Ne è scaturito così un inseguimento con i carabinieri che con sirene e lampeggianti in funzione hanno dovuto inseguire il veicolo lungo la strada provinciale 151, proseguendo poi su una strada sterrata, dove sono state fatte diverse manovre pericolose.

Alla fine l’auto del fuggitivo è andata a sbattere contro un tronco e il conducente è scappato velocemente a piedi tra la vegetazione. Sull’auto c’era una donna che è stata identificata dai carabinieri e dopo una perquisizione al veicolo sono state trovate una roncola e un piede di porco. Il conducente inottemperante, dopo diversi minuti, è ritornato sul posto: i militari lo hanno denunciato per resistenza, guida senza patente e possesso di strumenti atti ad offendere, più una serie di violazioni amministrative. La donna che era sull’auto era la moglie dell’uomo.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati