Skip to content

Mubia è il re di TripAdvisor

Le recensioni positive dei visitatori fanno crescere il geomuseo che si conferma eccellenza del territorio
Una delle sale del museo Mubia
Una delle sale del Mubia

MONTEROTONDO MARITTIMO. Monterotondo Marittimo è una delle eccellenze segnalate da Tripadvisor: dopo il Parco delle Biancane anche il geomuseo Mubia vince quest’anno il Premio Travellers’ Choice, un certificato di eccellenza assegnato sulla base delle recensioni positive che attestano il gradimento diffuso e continuo della struttura da parte dei visitatori.

Soddisfazione per il Premio è stata espressa dall’amministrazione comunale di Monterotondo Marittimo che sta investendo da tempo sulla valorizzazione e la promozione del Parco e del suo Geomuseo, riconosciuti come l’elemento centrale della strategia turistica. «Siamo consapevoli di avere uno straordinario patrimonio su cui fare leva per la promozione turistica di Monterotondo Marittimo – dice Emi Macrini, assessora comunale al Turismo – e ci fa immenso piacere poter constatare che gli sforzi economici ed organizzativi sostenuti dall’amministrazione comunale per valorizzare questo patrimonio stanno avendo riscontri positivi. Questo ci sprona a continuare sulla strada intrapresa con il Mubia e il Parco delle Biancane che sono le nostre due eccellenze, adottando sempre nuove iniziative e progetti culturali innovativi (come la visita virtuale della Rocca degli Alberti con i visori 3D), che ci consentono di essere attrattivi agli occhi del turista».

«Grazie di cuore a tutti i visitatori che con le loro recensioni positive su Tripadvisor hanno permesso al Parco delle Biancane e al Mubia di ottenere questo prestigioso riconoscimento che attesta un gradimento diffuso e continuo – dice  il sindaco Giacomo Termine – Un gradimento al quale senza dubbio hanno contribuito anche gli operatori che ricevono i turisti al Mubia, li accolgono e li guidano in modo impeccabile alla scoperta dei fenomeni geotermici di Monterotondo Marittimo».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati