Skip to content

L’omaggio di Zerocalcare alla Maremma

In una scena di “Strappare lungo i bordi”, la serie tv di Netflix, spunta una cartolina di Ansedonia
La scena della serie di Zerocalcare
La scena di “Strappare lungo i bordi” con l’immagine di Ansedonia

ORBETELLO. Un cameo della Maremma nella serie cult del fumettista Zerocalcare su Netflix. Bisogna aspettare l’episodio 5, la penultima delle serie, quando il protagonista esce dal cinema e incontra una ragazza alla quale ha dato ripetizioni.

Valentina è un altro dei tanti personaggi mitologici della serie “Strappare lungo i bordi”, gioiello dell’animazione scritto e realizzato dal fumettista Michele Rech. 

Una ragazza che da giovane – spiega il protagonista – aveva due teste di topo, la sua e quella della sua amica Ludovica. Ed è proprio quando Zero chiede che fine avesse fatto la sua amica del cuore, che sullo schermo compare l’immagine di Ansedonia. «La nostra amicizia è finita d’estate – spiega Valentina – Ludovica è stata in vacanza a Rapallo, io con mi madre ad Ansedonia».

Pochi secondi, nella serie cult del momento, la più vista su Netflix dal debutto, il 17 novembre: ha superato Red Notice, l’ultimo film dell’attore The Rock, ma anche Arcane, la serie animata ispirata al videogioco League of Legend e perfino Squid Game, la serie sudcoreana che dopo l’esordio a inizio ottobre ormai sembra aver esaurito l’onda del suo successo sul pubblico italiano.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati