Skip to content

Linee Telecom in tilt a Civitella Marittima

Da una settimana no si telefona dalla linea fissa e non si naviga in internet. Fermi uffici, negozi e attività pubbliche. Problemi anche a Paganico
Civitella Marittima

CIVITELLA MARITTIMA. Dura ormai da una settimana il guasto alle linee Telecom a Civitella Marittima, che hanno bloccato la telefonia fissa e le attività on line. Dunque, chi non ha altri contratti con altri gestori è di fatto nel caos, a partire da uffici privati, negozi, uffici pubblici, e di pubblica utilità, come il dispensario farmaceutico.

Un danno per chi ha un’attività e non può svolgere l’ordinaria amministrazione, dal pagamento bancomat, alla posta elettronica, fino ai servizi dell’ufficio postale, alla lettura delle ricette in farmacia, ai servizi della pubblica amministrazione. In comune i telefoni fissi sono muti, con l’unico vantaggio che il traffico internet dell’amministrazione va con ponti radio autonomi, a suo tempo organizzati dal Comune con la rete Netspring, che consente di svolgere le attività – ormai quasi tutte – on line.

«La situazione è molto grave – dice la sindaca, Alessandra Biondi – e sta mettendo in ginocchio chiunque abbia un’attività, che sia un negozio, uno studio professionale, un’impresa. Oggi non si può lavorare senza andare in rete, dato che tutto si è spostato sull’on line. In Comune abbiamo contenuto il danno semplicemente perché abbiamo una rete autonoma, ma non oso immaginare cosa sarebbe successo se fossimo stati collegati alla rete Telecom. Stiamo sollecitando ogni giorno, la risposta è sempre la stessa, ovvero che c’è un guasto grosso e complesso da riparare, ma nessuno è in gradi di dirci i tempi della riparazione. E questo è inaccettabile».

Ne sa qualcosa anche Enzo Turbanti, geometra, titolare di uno studio professionale che lavora per tutta la provincia di Grosseto e con molti clienti anche in quella di Siena. «Sono esasperato – dice – perché non si riesce a lavorare. Siamo peraltro in un periodo caldissimo con le pratiche edilizie a causa del superbonus e ogni minima attività, contratto, dichiarazione, progetto, si fa on line, sui portali della pubblica amministrazione, attraverso le mail e la posta certificata.

Un danno enorme, perché tutto quello che non può essere fatto in cartaceo resta in sospeso. Quindi oltre al tempo che perdiamo, si rischia di perdere clienti e di non rispettare le scadenze. E quello che più di fa arrabbiare è il senso di impotenza di fronte al muro di gomma dell’azienda. Ci sentiamo presi in giro, il danno e la beffa», conclude Turbanti.

A Pitigliano tranciata la linea della fibra ottica

Problemi anche a Pitigliano, dove è stata tranciata la linea della fibra ottica in località Macerie. Un atto vandalico, o forse un vero e proprio sabotaggio, visto che la linea è stata tagliata da mani esperte.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati