Skip to content

Le chiedono una birra e le rubano la borsa – IL VIDEO

Derubata mentre è al lavoro dietro al bancone del bar, la rabbia di Wahiba: «Mi hanno rovinata»
Furto al bar da Gigi
Il ragazzo con la borsa della giovane barista

GROSSETO. Le telecamere di videosorveglianza del bar hanno ripreso tutto: un ragazzo che va in bagno, poi esce e distrae la barista chiedendole una birra. Una coppia che entra dall’altra porta: la ragazza si avvicina al bancone e appoggia la sua borsa, il ragazzo va verso la porta del bagno, agguanta la borsa della barista, la nasconde sotto al giubbotto e si allontana insieme alla giovane che era entrata con lui.

Il colpo alle due del pomeriggio

Erano le 14 appena passate quando Wahiba Amali è arrivata al lavoro, al bar da Gigi in via Brigate Partigiane. «Ho dato il cambio alla mia collega – dice – ero appena arrivata e avevo messo la borsa dietro al bancone, come sempre. È entrato il primo ragazzo che è andato in bagno e c’è stato un bel po’. Quando è uscito mi ha chiesto se avessi una marca di birra, che è sempre stata nel frigo. Credo che lo abbia fatto per distrarmi».

Wahiba si è avvicinata al ragazzo per indicargli la bottiglia che le aveva chiesto, mentre un altro giovane, forse avvertito dal primo, è entrato dall’altra porta del locale e si è fiondato sulla borsa della ragazza. «Quando è entrato il primo stavo bevendo dell’acqua per prendere un farmaco – dice – e non ho fatto caso alla presenza di altre persone». Nel bar, la ragazza, non era sola. C’erano altri clienti che non si sono accorti di nulla. Nemmeno Wahiba si è resa conto che la sua borsa era scomparsa.

«Me ne sono accorta quando sono andata a prendere un altro farmaco che avevo in borsa – dice – Era scomparsa, con tutto il suo contenuto e così ho chiamato subito i carabinieri. Sono intervenuti immediatamente e si sono messi a cercarli. Io vorrei indietro la mia borsa, per questo ho deciso di pubblicare il video».

Via con mille euro e i documenti

La ragazza, nella borsa, aveva circa mille euro, i documenti, alcune richieste del medico per esami e visite. «Erano i soldi che mi servivano per pagare l’affitto e le bollette – dice la ragazza – e ora sono rimasta senza nulla. Devo prendere anche alcuni farmaci e fare delle visite. Sono andata all’Asl per rifare la tessera sanitaria ma mi hanno chiesto un documento, che ovviamente mi è stato rubato, insieme al permesso di soggiorno. Oltre ai soldi, mi hanno fatto anche questo danno».

Wahiba non è soltanto arrabbiata e anche tanto amareggiata. «Se mi fossi voltata forse lo avrei visto – dice – mentre mi portava via la borsa. Ma stavo rispondendo all’altro e anche le persone che erano nel bar a prendere il caffè si sono accorte di niente. Ha fatto in un attimo».

 

 

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati