Skip to content

Estetista abusiva, in casa e al nero. Arriva la Finanza

È emerso come la donna svolgesse le sue prestazioni irregolari sia nel suo appartamento, sia “a domicilio” in tutta la provincia
Un'estetista al lavoro sulle unghie
La donna si occupava soprattutto di cura delle unghie

GROSSETO. Faceva l’estetista in casa, senza rilasciare ricevute. Ma la Finanza l’ha scoperta, dopo aver ricevuto numerose segnalazioni.

È stato quindi fatta una perquisizione per avviare l’ispezione di natura fiscale e rintracciare documentazione fiscale ed amministrativa d’interesse. Nel corso delle attività è stata rintracciata copiosa documentazione extracontabile e kit completi di materiale per effettuare attività di cura della persona, in particolare per quanto riguarda la cura e abbellimento delle unghie (servizi molto
richiesti e per i quali si può arrivare a pagare anche 50/100 euro per le decorazioni più complesse).

L’estetista aveva decine di clienti

Sono quindi stati effettuati accertamenti bancari e individuate decine di clienti che hanno fruito delle prestazioni della abusiva estetista: tutte prestazione “in nero”, senza il rilascio di alcuna ricevuta fiscale e, peraltro, senza il rispetto di adeguate norme di sicurezza e tutela delle persone.

La perquisizione della Finanza
La perquisizione della Finanza

Nel corso delle attività è emerso come la donna svolgesse le sue prestazioni irregolari sia nel suo appartamento, sia “a domicilio” in tutta la provincia. Al termine degli accertamenti  la  Finanza ha constatato una complessiva evasione fiscale (tra “ricavi” in nero, IVA, ecc.) di poco meno di 50.000 euro. Nel corso degli ultimi due anni sono una decina i casi di “professionisti” abusivi dediti ai servizi di cura alla persona scoperti dalla   Finanza in provincia.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati

error: Content is protected