Skip to content

Damiano Rosichini campione europeo di beachtennis

Il giovane grossetano trionfa in Bulgaria. Grandi prove anche di Niccolò Gasparri e Irene Mariotti. E ora i tre vanno ai Mondiali in Brasile
Beachtennis, Damiano Rosichini sul podio col "socio" Filippo Boscolo. A sinistra l'altro grossetano, Niccolò Gasparri
Damiano Rosichini sul podio col “socio” Filippo Boscolo. A sinistra l’altro grossetano, Niccolò Gasparri

GROSSETO. Damiano Rosichini, Niccolò Gasparri e Irene Mariotti protagonisti ai recenti campionati europei under 18 di beachtennis in Bulgaria

Grandissimo risultato agli ultimi europei di Sofia per il giovane grossetano Damiano Rosichini che, assieme al suo compagno Filippo Boscolo – originario di Chioggia, ma ormai un toscano d’adozione – si è aggiudicato il titolo di campione europeo under 18 di beach tennis battendo, in una finale tutta italiana, la coppia composta da Niccolò Gasparri – altro grossetano – e da Luca Andreolini con il punteggio di 2-6 7-6 (6) 10-2.

Ma non è tutto. Damiano, infatti, dopo aver conseguito il titolo maschile, ha bissato il successo anche nel doppio misto assieme alla pesarese Giulia Renzi, imponendosi in finale 6-3 6-4 sui russi Kudinova-Pavlov, che in semifinale avevano eliminato di misura l’altra coppia italiana, Massai-Andreolini, con il punteggio di 7-6(4) 3-6 10-6.

Un altro grande risultato per il beach tennis grossetano è arrivato anche dall’under 18 femminile, con Irene Mariotti e Giulia Renzi che si arrendono solo in finale cedendo per 6-3 6-4 alle russe Kosenkova-Semenova, conquistando un meritato secondo posto.

«Partecipare ad una manifestazione così importante indossando i colori della propria nazione è qualcosa che mi rende estremamente orgoglioso. – ha raccontato Rosichini – L’emozione di partire con la propria nazionale per andare ad affrontare giocatori di altri Paesi è indescrivibile».

La forza del gruppo

«Siamo partiti carichi e consapevoli di poter ottenere grandi risultati. Il fatto di esserci ritrovati qualche giorno prima della partenza per svolgere qualche allenamento è servito per unire ancora di più il gruppo verso un obiettivo comune, come testimoniato dal tifo reciproco che ha accompagnato le nostre partite per tutto lo svolgimento della manifestazione. – ha commentato Rosichini – C’era la consapevolezza all’interno della squadra di poter raggiungere un risultato importante, soprattutto considerando i notevoli passi avanti compiuti in Italia negli ultimi anni da questo sport».

Beachtennis, la nazionale Under 18
Beachtennis, la nazionale Under 18

Un gruppo di giovani promesse, dunque, ma ancor prima un gruppo di amici che ha sempre anteposto il rispetto e la stima reciproca ai successi personali.

Il racconto della finale maschile

«La nostra speranza era quello di portare le due coppie italiane in finale per regalare una grande soddisfazione al beach tennis italiano. Averla disputata contro due amici come “Gaspa” (Niccolò Gasparri) e Luca (Andreolini) ci ha suscitato emozioni totalmente diverse rispetto a quelle che si provano quando ci si trova di fronte giocatori sconosciuti di altre nazioni e che presentano un gioco totalmente diverso dal nostro».

Una partita disputata ad altissimo livello e che riproponeva le stesse coppie che già si erano affrontate a luglio nella finale dei Campionati Italiani under di Viareggio. In quel caso ad avere la meglio furono Gasparri-Andreolini, a testimonianza dello status nazionale ed internazionale acquisito da questi ragazzi.

La vittoria nel misto

«Con Giulia (Renzi) avevamo già ottenuto molti risultati in passato come la vittoria dei campionati italiani under 18 a Viareggio. L’aver vinto il titolo europeo, confrontandoci con nazioni molto forti come la Russia e la Spagna, è stata una grande conferma di tutte i successi conseguiti insieme nel corso degli anni. La vittoria di questi due titoli rappresenta il coronamento di un percorso che parte da lontano e che premia tutto l’impegno profuso negli allenamenti e nei tornei in giro per l’Italia».

I ringraziamenti

«Un ringraziamento particolare e sentito – conclude Rosichini – va al capitano della nostra nazionale Michele Folegatti, al mio maestro Luca Capone, ai miei compagni Filippo Boscolo e Giulia Renzi, senza i quali non sarei riuscito ad ottenere questi importanti risultati e ai miei sponsor che mi permettono di competere al meglio in ogni torneo. Infine, una dedica speciale va ai miei genitori, per tutti i sacrifici sostenuti nel corso degli anni. Sono loro i primi artefici del mio successo”.

Damiano Rosichini con i genitori e la sorella
Damiano Rosichini con i genitori e la sorella

Grosseto si dimostra ancora una volta punto nevralgico del beachtennis nazionale ed internazionale, tant’è che le tre giovani promesse maremmane sono state convocate dalla nazionale italiana per i Campionati del Mondo a squadre in programma a Rio de Janeiro il prossimo ottobre.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati