Serie D, il FolGav non fa sconti al Cascina

Un'immagine della gara Folgav-Cascina

FOLLONICA GAVORRANO (4-3-3): Ombra, Grifoni, Bruni, Dierna (77’ Tascini), Fremura; Trovade, Lo Sicco, Arduini (70’ Rosini); Rosati (73’ Giustarini), Mugelli (88’ Giannini), Fontana (77’ Ampollini). A disp.: Nannelli, Del Rosso, Farini, De Paolis. All. Marco Bonura.

CASCINA (5-3-2): Biggeri; Zaccagnini (73’ Bertolini), Franceschi, Pezzati, Fatticcioni, Puleo (77’ Naldini); Arapi, Geroni, Malanchi (77’ Casanova); Marabese, Giani. A disp.: Rizzato, Rossi, Balleri, Campigli, Pruneti, Silvano. All. Luca Polzella.

ARBITRO: Caruso di Viterbo, assissenti Brizzi di Aprilia, Dattilo di Roma1.

RETI: 50’ rig. Lo Sicco (FG), 69’ rig. Rosati (FG).

Note: spettatori 100 circa, rec. pt 1’, st 5’; angoli 4-4; ammoniti: Lo Sicco, Dierna, Fremura, Malanchi, Zaccagnini, Pezzati, Franceschi.

BAGNO DI GAVORRANO. Inizia col piede giusto il campionato il Follonica Gavorrano targato Bonura. Al Malservisi-Matteini i biancorossoblù stendono con due rigori il Cascina. Gara non bella, con i nerazzurri pisani scesi in Maremma con il chiaro intento di non prenderle, obiettivo raggiunto nella prima frazione.

Nella ripresa un’intuizione di capitan Dierna, che dopo 4’ si procura il primo rigore, fallo ingenuo da dietro di Fatticcioni, spiana ad un implacabile Lo Sicco la via dell’1-0 con il tiro che spiazza Biggeri. I biancorossoblù hanno poi preso coraggio, con il Cascina che cerando di recuperare ha lasciato spazi. Mugelli, ben lanciato da Lo Sicco, ha costretto Franceschi nuovamente al fallo in area: Rosati ha spiazzato Biggeri per il 2-0 finale. Poi quasi accademia, con i tanti cambi e i minerari che potevano anche allungare nel punteggio.

Il Grosseto subisce un ko in rimonta dalla Carrarese

Riccardo Cretella dedica il gol del vantaggio contro la Carrarese a Gigi Ambrosio (foto Noemy Lettieri - Us Grosseto)

CARRARA. Prima sconfitta stagionale per il Grosseto sul campo della Carrarese (2-1). I biancorossi hanno disputato un buon incontro ma non sono riusciti a portare fino in fondo il vantaggio ottenuto dopo 26 minuti di gioco con uno splendido gol di Riccardo Cretella (con tanto di dedica a Gigi Ambrosio). Nella ripresa l’ex Elia Galligani ha pareggiato con un bel diagonale, mentre al 79’ Doumbia, subentrato ad inizio ripresa ad un evanescente Energe, ha trovato il gol della vittoria con un gran colpo di testa. Magrini si è presentato al calcio d’inizio con due novità: Piccoli al fianco di Vrdoljak e Cretella nella mediana del campo e Ghisolfi, al debutto dal primo minuto, dietro alle punte al posto di Marigosu, entrato  Nel primo tempo, Ghisolfi, su una palla deviata da corner, al 7’ carica e tira ma trova l’opposizione di Vettorel. Il Grosseto cresce di rendimento e trova il meritato gol con Cretella, servito da Semeraro. Nella ripresa cresce la Carrarese che ribalta la situazione. Il Grifone recrimina per un colpo di testa di Siniega, su azione di corner, sul quale il portiere di casa compie un miracolo. Fa discutere anche una decisione arbitrale di giudicare falloso un recupero palla di Moscati, che ha anticipato il portiere e s’è avviato verso la porta sguarnita. Il direttore di gara ha però ravvisato un fallo probabilmente inesistente.

«Il pareggio sarebbe stato più giusto e lo meritavamo per un finale pieno di rabbia – ha detto Riccardo Cretella nel dopo gara –  Sapevamo che sarebbe stato difficile, ma dovevamo fare qualcosa di più, anche se per mezz’ora abbiamo giocato molto bene. Mi dispiace che il mio gol, dedicato ad un amico che non c’è più, Gigi Ambrosio, non sia bastato»

CARRARESE-US GROSSETO 2-1
CARRARESE (4-3-1-2)
: Vettorel; Semprini, Kalaj, Marino, Imperiale; Figoli (31’ s.t. Pasciuti), Battistella, Tunjov; Mazzarani (21′ st. Bramante); Galligani (31’ s.t. Infantino), Energe (1’st. Doumbia). (Mazzini, Santochirico, Girgi, Rota, Grassini, Luci, Bertipagani, D’Auria, Infantino. All: Antonio Di Natale.

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi; Raimo, Ciolli, Siniega, Semeraro; Vrdoljak (8′ st. Fratini), Cretella, Piccoli (Serena); Ghisolfi (8′ st. De Silvestro); Arras (35′ s.t. Marigosu), Moscati (20′ st. Artiol). (Fallani, Marigosu, Rotondo, Verducci, Salvi, Bianconi, Perrella). All: Lamberto Magrini.

ARBITRO: Di Cicco di Lanciano.

RETI: nel p.t. al 26′ Cretella (G); nel s.t. al  5′ Galligani (C), 34′ Doumbia (C).

NOTE: ammoniti: Vrdoljak e Figoli. Angoli 2-1.

Insidiosa trasferta per l’Us Grosseto a Carrara

GROSSETO. Archiviata l’esperienza di Coppa Italia con la sconfitta a testa alta sul campo del Pescara, il Grosseto si rituffa domenica (calcio d’inizio alle 17,30) nel campionato con la trasferta sul campo della Carrarese.

I ragazzi di Lamberto Magrini sono reduci da tre pareggi consecutivi, i padroni di casa sono invece all’ultimo posto con un solo punto, conquistato a Pontedera, ma hanno l’attenuante di aver affrontato le attuali regine del girone B, Pescara (1-2) e Siena (3-0). Un duello insomma delicato per un Grifone che piano piano sta raggiungendo la migliore condizione per ottenere risultati utili per il traguardo stagionale, una salvezza tranquilla.

Nella gara con la Carrarese mancheranno il centrale Matteo Gorelli e gli attaccanti Federico Scaffidi, autore dell’unica rete biancorossa, e Simone Dell’Agnello. Dalla Primvera arriva Niccolò Rotondo.

Mister Magrini ha convocato 22 giocatori: Barosi, Fallani portieri; Ciolli, Biancon, Raimo, Salvi, Semeraro, Siniega, Verduci difensori; Cretella, Artioli, Fratini, Piccoli, Perrella, Ghisolfi, Serena, Vrdoljak centrocampisti; Moscati, De Silvestro, Marigosu, Rotondo, Arras.

IL PROGRAMMA DELLA QUARTA GIORNATA

LA CLASSIFICA DEL GIRONE B

Coppa Italia, Grifone battuto a Pescara

Pescara-Grosseto

PESCARA-GROSSETO 2-0

PESCARA (3-4-3): Sorrentino; Ingrosso, Veroli, Illanes; Zappella (46′ Cancellotti), Rizzo, Diambo (75′  Sanogo), Nzita (46′  Rasi); D’Ursi (63′ Delle Monache), Ferrari (81′, Valdifiori), Galano. (Radaelli, Di Gennaro, Pompetti, De Marchi, Drudi, Frascatore, Clemenza). All. Gaetano Auteri.

GROSSETO (4-3-1-2) Fallani; Biancon (71′ Raimo), Salvi, Ciolli (57′ Siniega), Verduci; Piccoli (57′ Cretella), Fratini, Artioli; Ghisolfi (57′ Serena); Moscati, De Silvestro (46′ Marigosu) (Barosi, Semeraro, Vrdoljak, Salvadori, Tiberi). All. Lamberto Magrini.
ARBITRO: Taricone di Perugia.

RETI: nel p.t. al 30’ Zappella; nel s.t al 6’ D’Ursi.
NOTE: ammoniti Ghisolfi. Angoli 7-4.

PESCARA. Il Grifone saluta la Coppa Italia battuto con un gol per tempo dal Pescara. I biancorossi, che si sono presentati allo stadio Adriatico con una formazione rivoluzionata rispetto a domenica scorsa,  hanno giocato a viso aperto con la capolista del girone B creando diverse occasioni e recriminando anche per un calcio di rigore fallito da Pippo Moscati che avrebbe riaperto la gara.

La formazione di casa dopo aver rischiato grosso sui tentativi di Moscati e Ghisolfi, si è portata in vantaggio al 40’ con un tiro da due passi di Zappella, ben servito da Nzita.

Nella ripresa il Grosseto subisce il raddoppio dopo appena sei minuti: D’Ursi riprende una respinta del portiere Fallani e mette in rete. Ciolli e compagni non s’arrendono e al 27’ arriva l’occasione di rientrare in partita grazie concesso per un fallo del portiere sorrentino su Moscati. Lo stesso attaccante bianco rosso tira troppo centralmente permettendo la respinta del portiere. La partita del Grosseto finisce qui, anche se prima del triplice fischio ci provano Verduci, Marigosu, Artioli e Fratini. Un gol sarebbe stato anche meritato, nonostante la differenza di valori. Adesso testa alla trasferta di Carrara per conservare l’imbattibilità in campionato.

Parla il tecnico  Magrini

«Sono contento – ha detto il tecnico Lamberto Magrini a fine gara – perché i miei ragazzi hanno messo in pratica quello che proviamo in settimana. La gara è stata aperta, specialmente nel primo tempo, con il Grosseto che ha cercato la rete e l’ha sfiorata in due-tre occasioni. Nella ripresa per mezz’ora è stato il Pescara, una squadra costruita per vincere il campionato. a comandare il gioco. La gara c’è comunque servita a dare minutaggio ai quattro-cinque ragazzi che ai sono aggregati di recente».

Genitori democratici: «La didattica in presenza torni centrale»

Daniela Castiglione, presidente del coordinamento Genitori Democratici

GROSSETO. L’occasione della riapertura delle scuole toscane è appropriata per il Coordinamento Genitori Democratici per ribadire alcune istanze presentate al ministero dell’Istruzione in occasione dell’ennesima chiusura delle scuole avvenuta durante il precedente anno scolastico.

«Sono infatti ancora valide – spiega Daniela Castiglione, presidente del tavolo di coordinamento provinciale dei genitori che rivestono l’incarico di presidenti dei consigli di istituto in Maremma – le richieste volte ad una comunicazione certa e chiara sui dati dei contagi a scuola; è giusto che le famiglie conoscano la reale situazione per affrontare, avendo gli strumenti per comprenderle, le difficoltà a cui sono chiamate a porre soluzione».

«Serve pertanto una comunicazione certa, chiara ed uniforme su tutto il territorio nazionale sulle prospettive relative alla riapertura in piena sicurezza delle scuole di ogni ordine e grado. Sui criteri che saranno utilizzati chiediamo inoltre agli organi competenti parametri omogenei per consentire a scuole e famiglie di riorganizzarsi velocemente in caso di necessità. Come di consueto per genitori e studenti sarà inoltre possibile ricevere aggiornamenti attraverso il sito www.cgdmaremma.it o all’indirizzo email cgdmaremma@gmail.com».

L’auspicio per il Coordinamento Genitori Democratici, avendo la possibilità di conoscere il dettaglio delle misure messe in campo, è che le scuole non vadano più incontro a chiusure generalizzate e indiscriminate. «Occorre dare la giusta priorità alla scuola e al diritto allo studio – ribadisce Castiglione – la scuola non può essere penalizzata e messa in secondo piano rispetto all’avvenuta apertura degli esercizi commerciali».

Il CGD Maremma è sincero sostenitore della corresponsabilità educativa e della collaborazione scuola-famiglia, ed auspica che il ritorno in presenza sia accompagnato da azioni concrete e fattive: ogni istituto deve dotarsi non solo di regole e regolamenti, ma anche di aule sicure, con classi non numerose. È fondamentale in tal senso che che vengano concordati, conosciuti ed applicati i patti di corresponsabilità educativa scuola/genitori.

La didattica digitale integrata è stata un’importante risorsa, parte di una esperienza di emergenza. Adesso, tuttavia, è giunto il momento per dotare le scuole di tecnologie e di competenze che possano innovare la didattica, mettendo al centro, in presenza, le studentesse e gli studenti.

In questi giorni inizia un anno scolastico ancora una volta all’insegna della straordinarietà. Un anno scolastico che famiglie, personale tecnico e docenti si apprestano ad affrontare con diverse incognite insieme ad antiche carenze: «Tutti noi adulti – conclude Daniela Castiglione – abbiamo dunque il dovere, alla vigilia del primo giorno di scuola, di dare un segnale di unità di intenti e di far percepire, innanzitutto agli studenti, che la scuola è un bene comune da mettere in cima alle priorità per il Paese. Buon inizio, bambine e bambini, ragazze e ragazzi».

 

Prosegue con successo l’iniziativa dei corsi gratuiti Gea

GROSSETO. Per far rinascere l’interesse per la pallacanestro, una delle discipline più penalizzate dalla pandemia, la  Gea Basketball Grosseto ha deciso di organizzare corsi di minibasket gratuiti per tutta la stagione 2021-2022. E il successo è stato immediato: durante la scorsa settimana è stata superata la soglia di bambini, dai 5 agli undici anni, che si sono presentati sui campi all’aperto dell’Oratorio del Cottolengo in via Scansanese 67 a Grosseto, per prendere confidenza con lo sport.

«Da più parti – sottolinea il presidente della Gea David Furi – mi stanno arrivando i complimenti per questo progetto nato in accordo con la presidente del Csi Maura Cinagli.  Non è facile trovare società che investono sui giovani per un’intera stagione senza far spendere nulla alle famiglie fino al 10 giugno. I nostri piccoli amici potranno prendere confidenza con uno sport che li farà crescere».

E’ piaciuta anche la nuova location Gea per l’attività giovanile, dopo anni trascorsi nei campini di via Del Sarto a Gorarella. I tecnici  incaricati a tenere le lezioni sono  Marco Romboli, Pablo Crudeli (allenatore della squadra di serie D maschile), Mauro Pollazzi e Giovanni Porri, ma la grande famiglia Gea è sempre pronta a dare una mano, a cominciare dal coach della squadra di serie B femminile Luca Faragli.

Le lezioni si svolgono il lunedì e il venerdì dalle 16,30 alle 18,30 e come detto sono riservate a bambini e bambine dai cinque agli undici anni. Per entrare nella Gea Tune Squad si può telefonare al 339.1541974 (Debora).

I catamarani TF35 danno spettacolo nelle acque del golfo

SCARLINO. Provano per la prima volta la salsedine gli scenografici catamarani foil TF35 che hanno scelto la Marina di Scarlino per debuttare in mare, lasciando il loro natio Lago di Ginevra.

Dopo aver disputato cinque tappe in acque dolci, infatti, i TF35 sono sbarcati in Maremma per le ultime due tappe del circuito.

A darsi battaglia sono sette team, tra svizzeri e francesi.

Anche a Marina di Scarlino, nella tappa organizzata dallo Yacht Club Isole di Toscana viene riconfermata la supremazia di RealTeam Sailing di Esteban Garcia con Sebastien Col alla tattica e di Alinghi di Ernesto Bertarelli con Nicholas Charbonnier, che stanno comandando il circuito 2021 sin dall’inizio. Ad una tappa dalla conclusione, che si svolgerà proprio sul Golfo di Follonica, con le Costiere di Scarlino a fare da scenografia, sono due i punti che dividono le due imbarcazioni.

Real Team e Alinghi si sono dati battaglia a Scarlino sin dalle prime due giornate, caratterizzate da venti da S-SSW tra i 6 e gli 11 nodi. I T foiler hanno dato spettacolo non appena il vento ha toccato i 9-10 nodi, spiccando il volo sia in bolina sia in poppa. Non è mancata la sorpresa anche quando il vento è calato sotto i 7 nodi, occasione nella quale i team hanno spiegato enormi code 0 anche in andatura di bolina.

Non ha spostato gli assetti della classifica una intensa terza giornata, dove gli scafi TF35 hanno assaggiato il Maestrale termico del Golfo di Follonica (10-16 nodi) e hanno disputato altre due spettacolari prove. Ottima la prestazione di Spindrift che, con un primo e un terzo posto, ha messo un’ipoteca sul gradino più basso del podio. La velocità raggiunta di bolina ha sfiorato i 25 nodi, con un vento di 16 nodi: la sinergia dell’equipaggio e la concentrazione a simili velocità sono spinte al massimo e nulla può essere lasciato al caso.

L’aumento progressivo della brezza nella giornata di domenica ha suggerito al giudice di regata, Benoit Deutsch, coadiuvato da Carlo Giuliano Tosi, di terminare l’evento dopo due intense prove, dando appuntamento a tutti dal 23 al 26 settembre.

LA CLASSIFICA DEL CIRCUITO DOPO 6 TAPPE

 

Grifone di scena a Pescara nel 2° turno di Coppa Italia

GROSSETO. Incontro di prestigio per l’Us Grosseto, di scena mercoledì 15 sera sul campo del Pescara nel secondo turno della Coppa Italia. I ragazzi di Lamberto Magrini, che si sono conquistati il pass a sfidare la capolista del girone B (7 punti come il Siena) battendo il Campobasso con una doppietta di Moscati, prenderanno questo confronto solo come un buon allenamento in vista della trasferta di campionato a Carrara.

«Per noi questa partita – ha ammesso il tecnico Lamberto Magrini al termine del match contro l’Ancona Matelica è più un fastidio che un piacere. Le squadre giovani hanno bisogno di lavorare tutta la settimana e questo impegno infrasettimanale ci costringerà a rivedere tutto il programma di allenamento per la quarta di campionato».

«La Coppa Italia – conclude Magrini – ci crea solo dei problemi. Andremo là per vincere, ma prima si esce e meglio è. D’altronde sappiamo che non possiamo vincere la Coppa, anche a causa di una rosa che non può reggere due impegni, ma bensì di conquistare una tranquilla salvezza».

Mister Magrini ha convocato per la partita di mercoledì  sera allo stadio Adriatico Cornacchia ventidue giocatori: Davide Barosi, Mattia Fallani portieri; Enrico Biancon, Andrea Ciolli, Alessandro Raimo, Matteo Salvi, Francesco Semeraro, Giacomo Siniega, Giuseppe Verduci, Manuel Tiberi difensori; Federico Artioli, Riccardo Cretella, Emiliano Fratini, Matteo Ghisolfi, Gianluca Piccoli, Filippo Serena, Mario Vrdoljak, Daniele Salvadori centrocampista; Elio De Silvestro, Federico Marigosu, Filippo Moscati, Federico Scaffidi attaccanti.

Biglietti. I tifosi che vorranno seguire la squadra nella trasferta di Pescara potranno acquistare i tagliandi sul circuito Vivaticket fino alle 19 di martedì sera, La capienza del settore ospiti di Pescara è di 370 unità e il costo del biglietto è di dieci euro.

La traversa ferma il Grosseto contro l’Ancona Matelica

Dell'Agnello, Grosseto Calcio

GROSSETO-ANCONA MATELICA 0-0

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi;  Raimo, Siniega, Ciolli, Semeraro; Serena (dall’11’ s.t. Piccoli), Vrdoljak (dal 22’ s.t. Fratini), Cretella; Marigosu 5,5 (dal 11’ s.t. De Silvestro); Arras (dall’11’ s.t. Moscati), Dell’Agnello (dal 31’ s.t. Scaffidi). A disp. Fallani, Verduci, Salvi, Biancon, Artioli, Perrella, Ghisolfi. All. Magrini.

ANCONA (4-3-3): Avella; Tofanari, Masetti, Iotti, Maurizi; D’Eramo (dal 16’ s.t. Sabbatini), Papa  (dal 16’ s.t. Gasperi), Delcarro; Del Sole  (dal 27’ s.t. Rolfini ), Faggioli, Sereni.  A disp. Canullo,Vitali, De Renzo, Iannoni, Bianconi, Farabegoli, Vrioni, Ruani, Noce. All. Colavitto.

ARBITRO: Calzavara di Varese.

NOTE: spettatori 1.310 (139 ospiti). Ammoniti Semeraro, Papa, Sabbatini Gasperi, Delcarro. Angoli 4-4.

GROSSETO. Terzo pareggio consecutivo per il Grosseto che non va oltre lo 0-0 con l’Ancona Matelica. al termine di una partita non facile per la buona organizzazione degli ospiti. A negare i tre punti è stata anche la traversa, che ha fermato le due migliori occasioni dei ragazzi di Lamberto Magrini, nel primo tempo sul colpo di testa di Dell’Agnello e nel finale di gara sul tiro a botta sicura di Filippo Moscati. Ciolli e compagni hanno chiuso in crescendo una gara molto equilibrata, che li ha visti protagonisti, senza però riuscire a segnare.

Nella prima frazione di gioco parte forte il Grifone, che per una decina di minuti tiene il controllo del gioco. Con il passare dei minuti cresce l’Ancona Matelica senza peraltro creare grossi pericoli alla difesa grossetana. Il match diventa equilibrato e il Grosseto si fa pericoloso con alcuni guizzi, compreso il colpo di testa di Dell’Agnello che sbatte contro la traversa.

Nella ripresa il Grosseto crea complessivamente più degli ospiti, che si rendono però in 2-3 occasioni, la prima delle quali fermata da un balzo di Barosi. Il rammarico maggiore è per un finale brillante.

Le principali note di cronaca

Al 5’, dopo un’azione prolungata ci prova Vrdoljak da lontano ma la palla è alta sopra la traversa. Al 15’ va a lato un colpo di testa di Delcarro su azione di corner; lo stesso Delcarro al 16’ prova da lontano senza esito. Al 21’ la ghiotta occasione di Arras, sul quale si distende il portiere Avella per deviare in angolo. Sugli sviluppi del corner lo stesso Arras prova la palombella che rimane troppo alta. Al 21’ insidiosa punizione dalla destra di Del Sole che sorvola la traversa. Al 37’ Cretella recupera palla e Serena lascia partire un tiro senza pretese. Al 38’ Arras fugge sulla destra e rimette al centro: il colpo di testa di Dell’Agnello va a sbattere all’incrocio dei pali. 

Nella ripresa al 4’ Barosi si supera sul tiro di Dal Sole al termine di una veloce azione di contropiede dei marchigiani. Al 12’ il neo entrato Piccoli impegna a terra Avella.  Al 28’ De Silvestro lascia partire un tiro dalla distanza che finisce alto. Al 34’ Cretella prende la mira ma spara fuori. Al 35’ intervento provvidenziale di Raimo per fermare Faggioli lanciato a rete. Al 38’ Rolfini anticipa Barosi con un tiro che attraversa la porta ed esce. Al 40’ un tiro di De Silvestro viene fermato dal portiere anconitano.

Al 43’ grossa occasione per Sereni che salta tutta la difesa e lascia partire un tiro che viene deviatoin angolo. Al 44’ Raimo serve Scaffidi che fa la barba al palo alla destra di Avella. Al 49’ Moscati ha nei piedi la palla della vittoria, ma il suo tiro violento colpisce la traversa e poco dopo il bomber di casa mette alto dalla stessa posizione. 

Passerella allo Jannella per il Big Mat Bsc

Mattia Sireus, Bsc Grosseto

Per il Big Mat Villa Croci Bsc Grosseto è arrivato il momento della passerella finale. I ragazzi di Stefano Cappuccini, dopo aver dominato il girone D di serie B con una sola sconfitta in 24 incontri, disputeranno sabato 11 settembre alle 15 e alle 20 le ultime due partite della stagione, sul diamante “Roberto Jannella” di via della Repubblica, il tempio del baseball grossetano, che il prossimo anno ospiterà, per la prima volta le due grossetane in serie A.

Le “simpatiche canaglie”, tra una sfida e l’altra con il Calì Roma, quinta forza del raggruppamento con 12 vittorie e 13 sconfitte, verranno incoronati dalla Federazione baseball, che consegnerà al Bsc il trofeo che spetta alle formazioni promosse. Oltre al rappresentante della Fibs, alle 19,45 ci saranno anche le massime autorità cittadine a rendere omaggio ad una formazione che ha messo a segno una grande impresa, salendo in serie A al secondo anno di attività seniores, schierando tra l’altro l’organico più giovane mai schierato da una società partecipante ad un campionato nazionale.

Il condottiero biancorosso Stefano Cappuccini, che può contare su uno staff tecnico di prima qualità, che comprende il pitching coach Alessandro Cappuccini e i coach Vic Luciani e Marco Felici, schiererà sul monte di lancio il nazionale under 23 Mattia Sireus (11-0, 0.40) e Ion Doba (8-0, 2.66).

I tecnici cercheranno di risparmiare qualche inning ai loro ragazzi under 18, visto che domenica mattina, sul diamante Scarpelli di via Orcagna è in programma il primo turno delle finali nazionali. Avversari del Bsc saranno Academy Nettuno e Crocetta Parma.