Skip to content

Aggressione a colpi di casco: daspo Willy a un minorenne

Per la prima volta in provincia il questore ha emesso il provvedimento creato dopo l’uccisione del ragazzo a Colleferro
Il questore Antonio Mannoni

FOLLONICA. Il questore di Grosseto, per la prima volta in provincia, ha emesso un provvedimento di “Daspo Willy” nei confronti di un minorenne che il 5 agosto, in piazza XXV Aprile, luogo frequentato e noto per la “movida” notturna, aveva aggredito a colpi di casco insieme ad altri ragazzi, due turisti fiorentini.

I due giovani, mentre erano intenti a chiacchierare tra di loro nelle adiacenze di un locale in piazza XXV Aprile, erano stati avvicinati con una banale scusa da alcuni ragazzi di età compresa tra 15 e i 18 anni e subito dopo erano stati aggrediti a colpi di casco sul viso. Le due vittime avevano trovato rifugio all’interno di alcuni locali della zona, dove, grazie anche all’aiuto di alcuni passanti che avevano assistito alla scena, venivano salvati dagli aggressori che incuranti dei presenti tentavano di colpire nuovamente i due turisti.

Soccorsi e accompagnati all’ospedale “Misericordia” di Grosseto per accertamenti medici, venivano loro diagnosticati un “trauma cranico-facciale da percosse con prescrizione di visita oculistica (con prognosi di giorni 7) e percosse con prescrizione di valutazione maxillofacciale (con prognosi di giorni 5).

I carabinieri, che hanno svolto le indagini, hanno inviato una dettagliata relazione al questore  Antonio Mannoni sulla base della quale ha emesso un provvedimento di Daspo “Willy” che vieta al minore che ha partecipato all’aggressione, l’accesso e lo stazionamento nei pressi degli esercizi commerciali di Follonica dove si sono svolti i fatti, per il periodo di un anno.

Il daspo si chiama “Willy” per ricordare Willy Monteiro Duarte, il ragazzo ucciso a colpi di pugni di calci a Colleferro nella notte tra il 6 e 7 settembre 2020. A seguito di tale fatto, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge n. 130/2020, con il quale è stato introdotto questo strumento sanzionatorio.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati