Skip to content

Addio Mauro, super tifoso del Grosseto

Giagnoni aveva 51 anni ed è stato ucciso da un male incurabile: il dolore degli amici della Curva Nord
Mauro Giagnoni
Mauro Giagnoni

GROSSETO. Ha lottato come un leone, fino a quando le forze glielo hanno consentito. Perché c’erano tanti, tantissimi amici che lo sostenevano. Ma il male contro il quale aveva intrapreso quella battaglia è stato più forte di lui. Mauro Giagnoni aveva appena 51 anni e aveva scoperto la malattia pochi mesi fa. Aveva dovuto chiudere il suo laboratorio di pasta fresca che portava avanti con la passione che lo ha guidato sempre, durante tutta la vita.

Il cuore biancorosso e il sorriso sulle labbra

Nonna Magda era il suo regno, un regno che aveva voluto aprire nel 2013 nel quartiere di Barbanella, dopo aver lasciato il lavoro come rappresentante di materiale per l’edilizia che aveva fatto per tantissimi anni alla Metalmaremma. Aveva avuto voglia di cambiare, di non fermarsi. Era un uomo pieno di vita, di passioni, di amore per suo figlio. Ed era un grande tifoso del Grosseto, che seguiva dalla Curva nord.

Grandissimo appassionato di calcio, innamorato dello sport in generale, Mauro Giagnoni non aveva fatto marcia indietro nemmeno quando in Maremma era esplosa la mania del beach tennis. Capitava di vederlo spesso, con la racchetta in mano, sulla spiaggia e il sorriso stampato sul volto.

«Sono ancora incredulo – dice il vicesindaco Fabrizio Rossi – Lo avevo sentito pochi giorni fa e mi sembra impossibile che ora non potrò più parlare con lui di calcio e soprattutto del Grosseto». La notizia della morte di Giagnoni, ieri, ha gettato nel dolore più profondo tutte le persone che lo hanno incrociato, anche solo per una volta. Persone che erano state contagiate dalla sua voglia di vivere, dalla sua schiettezza. Mauro è morto nella casa dei suoi genitori, a Batignano, circondato dai suoi affetti più cari.

«Non ci sono parole Mauro, una persona elegante, di cuore, di una bontà unica», scrivono gli amici sul suo profilo di Facebook, che è tutto un fiorire di ricordi, aneddoti, foto per celebrare un amico che se n’é andato troppo presto.

La salma di Mauro è stata portata all’obitorio dell’ospedale dove sarà aperta la camera ardente. I funerali saranno celebrati venerdì 31 dicembre alle 10 alla chiesa di Batignano. Poi, il carro funebre dell’agenzia La Pace, accompagnerà il feretro al tempio crematorio.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati