Skip to content

Addio a Vichi, il fondatore della Mivar

Nato a Montieri 98 anni fa, è stato uno dei pionieri dell’imprenditoria elettronica italiana: era rimasto legato al borgo d’origine
Carlo Vichi alla Mivar
Carlo Vichi nella sua fabbrica

MONTIERI. Era il re dei televisori: aveva fondato la Mivar, che prendeva proprio il suo nome, quello di Carlo Vichi, azienda nata nel 1945 e cresciuta così tanto da aver avuto anche 1.200 dipendenti. La sede della fabbrica era ad Abbiategrasso, ma Vichi era nato 98 anni fa a Montieri, borgo sulle colline metallifere. E lì aveva una casa dove trascorreva le vacanze. In agosto, gli abitanti del borgo lo trovavano in giro. Cordiale, sempre.

Nel 1930 si era trasferito a Milano, mantenendo sempre i legami con il borgo dove era nato. Aveva aperto la sua azienda ad Abbiategrasso, nel milanese, dove aveva vissuto il boom economico degli anni Sessanta. Oltre mille dipendenti e un televisore Mivar in ogni casa.

Dalle Colline Metallifere in tanti erano andati al nord in cerca di fortuna e avevano trovato un posto di lavorio in quella grande fabbrica. Poi era arrivata la globalizzazione e la Mivar era stata stritolata dai concorrenti stranieri, asiatici in testa e nel 2013 era stata costretta a chiudere i battenti. L’anno dopo però Vichi lanciò una provocazione: «Regalo la mia azienda a un italiano che ne assuma 1200».

Provocazione caduta poi nel vuoto.

Sposato a soli 21 anni, nel 1944 con Annamaria Fabbri, che di anni ne aveva solo 18, la coppia ha festeggiato due anni fa i 75 anni di matrimonio, un evento festeggiato in fabbrica, con un brindisi in compagnia dei figli Luisa, Maria, Valeria e Girolamo, amici e operai.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati