Skip to content

Il Covid galoppa, 84 nuovi casi in Maremma

Picco di contagi e forte preoccupazione per il rischio di un nuovo aumento di ricoveri, oggi fermi a 30 in malattie infettive e a 5 in rianimazione
L'ingresso del reparto Covid 2 all'ospedale di Grosseto
L’ingresso del reparto Covid 2 all’ospedale di Grosseto

GROSSETO. Sono praticamente quadruplicati i casi di Covid oggi, 20 novembre, in provincia di Grosseto. Il report della Asl ne segnala, infatti, 84 contro i 26 di ieri, praticamente con lo stesso numero di tamponi. Ricordiamo che il dato della Asl non collima con quello della Regione, che oggi segnalava 66 nuovi positivi, perché diverso il momento del rilevamento e diverso il criterio (la Asl segnala i casi presi in carico). Stessa situazione, peraltro anche a Siena, dove i positivi sono passati da 21 a 86.

E insieme ai contagi sale anche la preoccupazione per l’escalation della pandemia, con la provincia di Grosseto che, con 137 nuovi casi ogni 100mila abitanti nella settimana dal 13 al 19 novembre, supera la media regionale, ferma a 73, e quella nazionale che è passata da 99 a 102.

Non ci sono stati decessi da alcuni giorni, ma il numero dei ricoverati in malattie infettive è ancora al limite della capienza dei due moduli, ovvero 30 letti occupati su 32, con il terzo modulo da 8 posti letto già pronto per essere aperto. Lo stesso vale per la terapia intensiva, oggi con 5 letti occupati su 8. Finora i nuovi ingressi si sono compensati con le dimissioni o i passaggi da un reparto all’altro, ma con un così alto numero di contagi, c’è da aspettarsi anche un aumento dei ricoveri.

Oggi, quindi, il numero totale dei positivi in carico alla Asl ha raggiunto i 626, di cui 592 a domicilio, con 1.068 contatti stretti in quarantena. Ma quello che balza agli occhi sono le fasce di età dei contagiati, che continuano a concentrarsi tra i più giovani e tra i 40-50enni: secondo il report sono 25 tra gli under 18, 23 nella fascia 35-49, mentre nelle altre classi di età, sono 12 tra i 50-64enni, 11 tra 19 e 34 anni, 10 tra 65 e 79 anni, 3 tra gli over80.

La situazione nei comuni e il caso Roccastrada

L’altro dato è la distribuzione sul territorio, con Roccastrada che oggi registra ben 12 nuovi positivi, che portano a 41 i casi totali nel territorio comunale, con 39 persone i isolamento domiciliare e due anziani della Rsa. Responsabili dell’aumento in atto da qualche giorno due focolai circoscritti in due frazioni dove ci sarebbero state due feste private a dare il la ai contagi.

Il camper per le vaccinazioni
Il camper per le vaccinazioni

«Per fortuna il tracciamento ha rilevato che i focolai sono circoscritti quindi la situazione è sotto controllo», spiega il sindaco Francesco Limatola, che ogni giorno dalla sua pagina facebook informa i cittadini sull’evoluzione dei contagi e non si stanca di richiamare l’attenzione sui comportamenti, così come di lanciare un appello alla vaccinazione.

«In risposta a questa recrudescenza in così rapida evoluzione, abbiamo deciso di fare uno screening di massa, come già avvenuto in passato, offrendo tamponi gratuiti ai cittadini. E aggiungiamo anche la vaccinazione, portando di nuovo il camper a Roccastrada. Stiamo approntando il programma con la Asl, ma sicuramente sarà per domenica 28 novembre. Spero che chi ancora non ha fatto il vaccino si decida. E poi, avanti con le terze dosi, senza perdere un minuto di tempo».

Gli altri numeri

Negli altri comuni del territorio, il numero più alto di casi si registra a Grosseto, il comune più popoloso, con 26 contagi. Oltre ai 12 di Roccastrada, 8 casi sono stati individuati a Follonica, 5 a Gavorrano, Manciano e Scansano, 4 a Castel del Piano, 3 a Castiglione della Pescaia, Monte Argentario, Orbetello, 2 ad Arcidosso, 1 a Capalbio, Roccalbegna, Seggiano e Semproniano.

 

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati