Skip to content

Triplicano i tamponi e i positivi in Maremma

Sono 234 i nuovi contagi su 1.148 tamponi, con un tasso di positività del 20 per cento. Stazionari i ricoveri
Personale all'ingresso in servizio nel reparto Covid a Grosseto
Personale al lavoro nell’area Covid dell’ospedale di Grosseto

GROSSETO. Sono tornati ai numeri dei giorni scorsi i tamponi per il Covid effettuati in provincia di Grosseto e sono  aumentati in proporzione anche i nuovi contagi. Oggi, 3 gennaio 2022, sono passati da 81 a 344, e i tamponi – antigenici e molecolari – da 366 a 1.148, con un tasso di positività che scende al 20 per cento, dal 22 di ieri.

I test sono triplicati, ma sono sempre nettamente inferiori rispetto a quelli di Siena (2.887) e di Arezzo (3.062), dove sono stati individuati rispettivamente 465 (tasso di positività del 16 per cento) e 581 (tasso di positività del 18 per cento) nuovi contagi.

Fermi a 41 i letti occupati in malattie infettive e a 8 in terapia intensiva. L’80 per cento risulta non vaccinato e il resto è vaccinato con una dose o con 2, ma da oltre 120 giorni dall’ultima somministrazione.

I positivi in carico alla Asl sono 1.688, con 2.374 contatti stretti in quarantena.

I nuovi positivi per comune

I casi di Covid sono stati individuati in 24 comuni su 28: 116 a Grosseto, 19 a Follonica, 13 ad Arcidosso,12 a Monte Argentario, 10 a Castel del Piano, 8 a Gavorrano e a Roccastrada, 6 a Orbetello, 5 a Semproniano, 4 Castiglione della Pescaia, Santa Fiora e Manciano, 3 a Campagnatico, Castell’Azzara, Civitella Paganico, Massa Marittima e Scarlino, 2 a Capalbio, Magliano in Toscana e Scansano, 1 a Cinigiano, Sorano, Seggiano e Pitigliano.

In arrivo dal 4 gennaio un nuovo farmaco anti-Covid

L’Agenzia italiana del farmaco, intanto, ha reso noto che l Commissione tecnico scientifica ha autorizzato un nuovo farmaci antivirale, il molnupiravir per il trattamento di pazienti non ricoverati e con «malattia lieve-moderata di recente insorgenza e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di Covid grave», scrive l’Aifa in un comunicato del 30 dicembre.

Il molnupiravir, un antivirale orale il cui utilizzo è indicato entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi, sarà distribuito  alle Regioni dal 4 gennaio. La durata del trattamento, che viene fatto a domicilio, è di 5 giorni e consiste nell’assunzione di 4 compresse 2 volte al giorno.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati