Skip to content

Zona artigianale più sicura, in arrivo 16 telecamere

Per realizzare il progetto l’amministrazione comunale di Follonica ha ascoltato le esigenze dei cittadini e dei commercianti raccolte da Cna: la spesa sostenuta dal Comune è 30.000 euro
La zona artigianale di Follonica
La zona artigianale di Follonica

FOLLONICA. Per andare incontro alle esigenze delle tante attività della zona artigianale di Follonica, l’amministrazione comunale, su proposta e sollecitazione dalla Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media impresa, ha predisposto il potenziamento della video sorveglianza dell’area: in totale sono 16 le telecamere che verranno installate e la copertura della zona sarà totale.

Un progetto da 30.000 euro

La spesa sostenuta dall’amministrazione comunale è di 30.000 euro e il progetto è stato realizzato dalla società NetSpring. Grazie alle varie segnalazioni sono state individuate alcune zone particolarmente sensibili della zona artigianale che necessitano di controlli mirati alla prevenzione dei reati, e su quelle indicazioni è stato realizzato il progetto. Le nuove telecamere saranno dotate del sistema Targamanent, in grado di leggere la targa dei veicoli in entrata e in uscita dalle varie vie. Il circuito sarà poi in collegamento diretto con il comando della polizia municipale e con i carabinieri di Follonica che potranno tenere sotto controllo l’area in modo più semplice ed efficace.

«Si tratta di un percorso fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Follonica per andare incontro alle esigenze delle tante attività che risiedono nella zona artigianale – dice il sindaco di Follonica Andrea Benini – Abbiamo ascoltato la proposta fatta da Cna e abbiamo elaborato un progetto. Siamo consapevoli che la video sorveglianza non possa risolvere del tutto i problemi legati alla criminalità ma senza dubbio può essere d’aiuto». «Non è stato facile trovare le risorse necessarie e predisporre il progetto, per il quale dobbiamo ringraziare NetSpring e il comandante della municipale Luciano Bartoli in qualità di responsabile della videosorveglianza del Comune di Follonica – commenta il vicesindaco Andrea Pecorini – Abbiamo più volte incontrato i cittadini e gli esercenti insieme a Cna e oggi, finalmente, possiamo presentare alla cittadinanza questa novità».

Segnalazioni raccolte dagli artigiani

«Questo progetto conferma – spiega Anna Rita Bramerini, direttore di Cna Grosseto – quanto sia fondamentale unire le forze per un obiettivo comune come quello di rendere la zona industriale di Follonica più sicura. Un risultato importante, soprattutto alla luce dei furti che periodicamente hanno interessato la zona nelle ore notturne, e che oggi grazie all’installazione di queste telecamera permetterà di monitorare meglio la situazione. Siamo consapevoli che questo non basterà per azzerare la criminalità, ma almeno potranno servire da deterrente consentire di individuare eventuali responsabili di azioni illegali».

Soddisfatti anche Marco Caverni, artigiano follonichese, presidente del mestiere Legno e Saverio Banini, presidente del comitato Zona Nord 1, entrambi per Cna Grosseto: «Un passo avanti importante per migliorare le condizioni di un’area che presenta molte problematiche ma che, attraverso progetti trasversali, in cui vari soggetti siano impegnati, potrà crescere. Dobbiamo fare in modo che le imprese tornino a sentirsi sicure di poter svolgere le loro attività qui e di poter investire anche nella città del Golfo».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati