Skip to content

Un pieno di scatole: oltre 1700 raccolte per i bisognosi

È stato un successo la raccolta delle “Scatole di Natale per i più bisognosi”, iniziativa portata a Grosseto dai ragazzi della Gioventù Francescana
I ragazzi della Gioventù Francescana con le scatole per i bisognosi - maremmaoggi.net
I ragazzi della Gioventù Francescana con le scatole per i bisognosi

GROSSETO. Si può dire davvero: buona la prima! È stato un successo che è andato oltre ogni più rosea aspettativa la raccolta delle “Scatole di Natale per i più bisognosi”, iniziativa nata a Milano, portata a Grosseto dai ragazzi della Gioventù Francescana e che ha visto impegnate tante persone.

Alla fine delle tre giornate di raccolta (8 e 11-12 dicembre) sono state consegnate oltre 1700 scatole, nelle quali – come veri e propri pacchi dono – ognuno doveva inserirvi una cosa calda, una cosa golosa, un passatempo, un prodotto di bellezza o per l’igiene personale e un biglietto gentile con cui augurare buon Natale a chi riceverà la scatola. L’idea, infatti, con cui è nata l’iniziativa non è solo quella di donare a chi si trova in una situazione di bisogno, ma far assaporare a chi riceve la gioia di essere stato pensato e che quel dono è proprio per lui/lei.

Si potevano comporre scatole per bambini o per adulti.

Un successo, raccolte oltre 1700 scatole

L’obiettivo era riceverne confezionate almeno mille, tanti quanto i possibili beneficiari che Caritas aveva conteggiato; ne sono arrivate molte, molte di più, a dimostrazione che il tam-tam ha funzionato e che l’idea ha coinvolto. Nelle tre giornate sono stati allestiti vari punti di raccolta, non solo nel capoluogo.

A Grosseto nelle parrocchie Addolorata, Madre Teresa, San Francesco; Cottolengo e Santa Lucia; oltre al capoluogo, punti di raccolta sono stati a Castiglione della Pescaia, dove i volontari hanno addirittura allestito un camioncino che è passato per il paese e ha fatto tappa nella scuola primaria. Il risultato è che dalla “Piccola Svizzera” sono arrivate 230 scatole! Ma punti di raccolta sono stati allestiti anche nelle parrocchie di Roselle e di Ribolla.

Una sessantina i volontari che si sono alternati per accogliere le persone che giungevano a lasciare la loro scatola.

E ci sono state anche vere mobilitazioni, come tra i ragazzi delle scuole medie Vico e Salvo d’Acquisto; tra i bambini del catechismo di Alberese-Rispescia, a Campagnatico ed Arcille, a Marina di Grosseto, a Roselle. È stato, insomma, un grande movimento spontaneo, che ha generato entusiasmo e bene.

«Un grande grazie a tutti coloro che hanno portato la loro scatola e grazie a tutti i volontari e volontarie che hanno impiegato il loro tempo per questo progetto – dicono i ragazzi della Gifra – Siamo commossi – aggiungono – dalla risposta straordinaria: non ce l’aspettavamo».

Le scatole raccolte saranno distribuite alla Bottega della solidarietà, dove poco più di 200 famiglie in stato di necessità si recano a fare la spesa; ai centri di ascolto delle Caritas parrocchiali e infine alla mensa per i senza fissa dimora.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati