Skip to content

Spacciava hashish, in manette un trentenne

L’arresto è stato eseguito dai carabinieri di Grosseto nell’ambito dei controlli straordinari del territorio in corso da due settimane. Segnalato anche un 21enne che si trovava con l’uomo
Due carabinieri con il denaro e la droga sequestrata
Due carabinieri con il denaro e la droga sequestrata

GROSSETO. Un uomo di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri, dopo essere stato trovato in possesso di droga e denaro in contanti. L’operazione è avvenuta nell’ambito delle attività di controllo straordinario in corso da due settimane in Maremma. L’uomo, un italiano da tempo residente a Grosseto, era stato notato due sere fa da una pattuglia delle Squadre di intervento operativo (Sio), in auto con un 21enne, anche lui italiano e residente in città, in una strada del quartiere di Barbanella.

Subito sono scattati gli accertamenti e la perquisizione della macchina, da cui è emerso che i due, entrambi con precedenti per droga, avevano alcuni grammi di hashish, il 30enne anche 700 euro in contanti. I militari hanno quindi perquisito l’abitazione dell’uomo, dove hanno trovato altri 800 grammi di hashish, in parte già impacchettai e pronti per la piazza, e 2.500 euro in biglietti di grosso taglio.

Droga e soldi sono stati sequestrati, e il 30enne è stato portato in carcere di Grosseto, mentre il 21enne, in possesso di una modica quantità di stupefacente, è stato segnalato con atti a parte alla Prefettura di Grosseto quale assuntore di stupefacenti. Restano da chiarire i rapporti tra i due, peraltro legati da amicizia, ma, verosimilmente il primo aveva appena consegnato droga al secondo.

Due settimane di controlli per rendere il territorio più sicuro

I controlli che hanno portato all’arresto del 30enne, sono iniziati due settimane fa e proseguiranno anche nei prossini giorni. Nell’operazione sono impegnati i carabinieri di Grosseto e alcuni equipaggi delle Squadre di intervento operativo. Si tratta di assetti organici al 6° Battaglione mobile carabinieri “Toscana”, di stanza a Firenze, le cui squadre sono al momento distaccate presso il comando di piazza Lamarmora.

Ciò permetterà di rendere più efficaci i controlli ordinariamente svolti dai reparti territoriali, in particolare nelle zone più sensibili, nell’ottica della prevenzione e del contrasto ai reati predatori, nonché al consumo e spaccio di stupefacenti.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati