Skip to content

Sindaco inseguito sul traghetto dalle Iene – IL VIDEO

La troupe si è presentata sul traghetto per l’isola del Giglio, Ortelli si è rifugiato nella cabina del comandante
La troupe delle Iene nel garage del traghetto al Giglio www.maremmaoggi.net

ISOLA DEL GIGLIO. Prima se li è trovati davanti all’arrivo con il traghetto a Porto Santo Stefano, poi di nuovo sull’imbarcazione, quando ha fatto rientro sull’isola mercoledì 14 dicembre alle 19. Il sindaco Sergio Ortelli è finito di nuovo nel mirino delle Iene, la trasmissione tv di Italia 1 che era già stata sull’isola il 2 ottobre scorso  per chiedere conto al primo cittadino di alcune ricevute che non sarebbero state rilasciate dalla sua società, la Multiservizi srl, per l’affitto di alcune case per le vacanze.

Braccato fino a Grosseto e ritorno

La troupe del programma di Italia 1 non ha mollato la presa, mercoledì. Sergio Ortelli, di buon mattino, è salito sul traghetto e ha raggiunto Porto Santo Stefano. Quando è sbarcato però ha trovato le Iene ad attenderlo sul porto.

Ha tirato dritto fino a Grosseto, dove di nuovo si è trovato con la telecamera e il microfono puntati contro.  In città, il primo cittadino, che doveva andare a Firenze, ha chiesto l’intervento della polizia, e il personale delle volanti ha identificato il giornalista e il cameraman.

Ma la lunga giornata delle Iene non era ancora finita: quando Ortelli è salito sul traghetto delle 19 per far rientro a casa, ha trovato di nuovo la troupe ad aspettarlo e a quel punto si è rifugiato in una cabina messa a disposizione del comandante.

I carabinieri all'arrivo sul porto www.maremmaoggi.net
I carabinieri all’arrivo sul porto

Una volta arrivati sull’isola, dopo un’ora di viaggio, Ortelli è sceso dal traghetto con la sua auto e se n’è andato, mentre la troupe continuava a rincorrerlo a piedi. Sul  porto, c’era una pattuglia dei carabinieri della stazione che ha identificato giornalista e cameraman.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati

error: Content is protected