Skip to content

Positivi sintomatici e abbandonati a se stessi

Il caso di Caterina Ristori e Giovanni Rispoli: «Il tampone ci ha confermato positivi il 27, il bimbo no, per fortuna. Ma ad oggi non sappiamo niente»
Caterina Ristori e Giovanni Rispoli
Caterina Ristori e Giovanni Rispoli

GROSSETO. Cinque giorni in casa, positivi al covid, con un bambino di 21 mesi (per ora) negativo. E dall’Asl neppure una telefonata. È la situazione surreale che stanno vivendo Caterina Ristori, del Polo Le Clarisse e suo marito Giovanni Rispoli, geometra. Chiusi in casa per responsabilità, senza poter aver contatti con nessuno, neppure con i parenti più stretti, tanto che il bambino lo gestiscono loro, indossando mascherine Ffp2. E senza un tracciamento che consenta loro almeno di avere un certificato o sapere quando saranno di nuovo negativi.

I tamponi, peraltro, sono introvabili, tanto che il presidente della Regione Giani prima ha stabilito che basta l’antigenico, poi ha annunciato il raddoppio delle forniture. Vedremo.

Due positivi sintomatici. E abbandonati

«Siamo due positivi sintomatici – racconta Caterina -, vaccinati entrambi con due dosi (la terza prenotata per il 01/01/22) con febbre e altri sintomi e insieme a noi vive nostro figlio di 21 mesi.
Il primo episodio di febbre alta è di Giovanni e risale al 26 dicembre, facciamo subito il tampone rapido e molecolare (il 27/12) in un centro privato a pagamento, perché tramite Asl è impossibile allo stato pratico. Entrambi i tamponi, avendo tra le altre cose sintomi palesi, ci confermano positivi e il bimbo fortunatamente negativo».

«Oggi 30 dicembre alle ore 10 ancora non siamo ancora stati contattati dalla Asl. Essendo due persone intelligenti e responsabili siamo ovviamente chiusi in casa dal 26, anche perché stando male sarebbe impensabile diversamente, abbiamo quindi, ad oggi, green pass valido e si sarebbe potuti uscire, partecipare ad eventi di ogni tipo pur essendo due positivi sintomatici confermati ed infettare il mondo, a partire da parenti fragili, amici e colleghi, se non avessimo quella santa dose di buon senso e senso civico che per fortuna le nostre famiglie ci hanno trasmesso».

Fra l’altro non hanno in mano niente di ufficiale: «Senza l’intervento della Asl anche il medico non può fare il certificato e questo è un problema anche per il lavoro. E siamo preoccupati per il bambino, anche se, ovviamente, prendiamo tutte le precauzioni possibili».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati