Skip to content

Pigiati in due case e senza documenti. Blitz dei vigili

Quasi tutti pakistani, impiegati al lavoro nei campi con la logica del caporalato. Molti sono stati segnalati alla questura
L’arrivo dei vigili al comando giovedì sera

GROSSETO. Decine di stranieri, quasi tutti senza documenti, in gran parte pakistani. Pigiati come sardine in due appartamenti, alla prima periferia di Grosseto, in condizioni igieniche non buone. Ragazzi giovani, finiti nel giro del lavoro dei campi, spesso gestito da altri stranieri, per una logica di caporalato che in Maremma è sempre più dilagante. Che, sia chiaro, è orchestrata da stranieri ma che, quasi sempre, ha italiani a tirare le fila.

Dopo alcune segnalazioni e relative indagini la polizia municipale, coordinata dal neo assessore alla sicurezza Riccardo Megale, ha effettuato due blitz in due sere, l’ultimo proprio giovedì 28 sera.

In due piccoli appartamenti vivevano in undici, qualcuno dormiva per terra arrangiato con sacchi a pelo. Altri tre sono stati trovati in un altro appartamento. Quasi tutti sono risultati senza documenti e senza permesso di soggiorno. Sono stati portati prima al comando dei vigili e poi segnalati alla questura.

L’ARRIVO DEI VIGILI AL COMANDO

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati