Skip to content

Opi diventa socio-partner di Fondazione Grosseto Cultura

Nicola Draoli: «La cultura è un elemento determinante per la promozione della salute»
Nicola Draoli, presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto
Il presidente dell’Opi, Nicola Draoli

GROSSETO. L’Ordine delle professioni infermieristiche di Grosseto diventa “socio-partner” di Fondazione Grosseto Cultura. Si rafforza così una collaborazione, che mette insieme due ambiti, la salute e la cultura, elementi centrali per il benessere delle persone  sui quali investire.

«Siamo soddisfatti per la collaborazione con Fondazione Grosseto Cultura – dichiara Nicola Draoli, presidente di Opi di Grosseto – dato che la cultura, e le occasioni di confronto, di scambio e crescita ad essa legati, sono un elemento fondamentale per la salute dell’individuo e della comunità. Diventare ‘socio-partner’ dell’organismo preposto all’organizzazione di eventi e alla promozione di politiche culturali è un passo che va a rafforzare questa consapevolezza.

Siamo sicuri che i nostri oltre 1700 iscritti apprezzeranno l’iniziativa e che questa collaborazione possa dare benefici anche alle attività promosse da Fondazione Cultura».

L’Opi ricorda che, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, i servizi sanitari rappresentano una minima parte degli elementi che concorrono al benessere della persone. «A questi – continua Draoli – si aggiungono altri fattori come gli stili di vita, le condizioni abitative, le relazioni nella comunità».

Il rapporto tra l’Opi e Fondazione Grosseto Cultura è nato nei mesi scorsi. A luglio, infatti, in occasione della mostra “Primo Conti – Le variabili del colore”, al museo Collezione Luzzetti, la Fondazione ha voluto regalare in un fine settimana l’ingresso agli infermieri iscritti all’albo.

«Un segno di riconoscenza per quanto fatto dalla nostra categoria nell’emergenza pandemica, che ha dato l’opportunità ai nostri iscritti di godere dell’arte. Nelle attività artistiche – conclude Draoli – si combinano più componenti, come l’immaginazione, l’attivazione sensoriale, l’evocazione delle emozioni, che possono favorire la promozione della salute».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati