Skip to content

Natale di solidarietà per i bimbi della Don Milani

Le famiglie dei piccoli studenti hanno donato generi alimentari all’Emporio della Solidarietà
Gli alunni della don Milani

FOLLONICA. Gli alunni e le alunne della scuola primaria don Milani non hanno voluto rinunciare al loro tradizionale concerto di Natale per salutare e augurare a tutti buone feste.
Dodici classi, coordinate dall’insegnante Catia Governatori, si sono alternate ballando e cantando di fronte ad un ristretto pubblico composto dalla dirigente scolastica Paola Brunello, il sindaco Andrea Benini, le assessore Barbara Catalani e Mirjam Giorgieri.

Nella palestra della scuola, trasformata per l’occasione in un vero e proprio palcoscenico, le voci dei bambini e delle bambine hanno creato l’atmosfera natalizia.

Generi alimentari all’Emporio della Solidarietà

Ma il valore aggiunto di questa iniziativa è stato il gesto che ha voluto fare la scuola. Le famiglie dei piccoli studenti hanno, infatti, voluto contribuire con un segno tangibile della loro generosità e hanno donato generi alimentari all’Emporio della Solidarietà.

Pacchi di pasta, di farina, di zucchero, di biscotti e alimenti per i neonati sono stati consegnati ai volontari all’Emporio promosso dalla Caritas diocesana di Massa Marittima e Piombino. Il sindaco ha ringraziato tutti i bambini e la scuola, perché in questo momento così particolare, hanno dimostrato di aver colto il vero senso profondo del Natale.

E per concludere i festeggiamenti, le insegnanti e le autorità presenti si sono collegate con la dottoressa Roberta Gatani, nipote del giudice Paolo Borsellino e responsabile della Casa di Paolo a Palermo, con cui la scuola collabora da più di tre anni.

Nei mesi scorsi, infatti, l’Istituto comprensivo Leopoldo II di Lorena si era attivato per raccogliere fondi destinati ai bambini che frequentano la struttura nel quartiere palermitano della Kalsa e la risposta della comunità follonichese è stata straordinaria. Con i fondi ricavati dalla vendita delle borse di stoffa cucite dai volontari, gli amici della Casa di Paolo quest’anno avranno un aiuto in più per mantenere vivo il sogno di Salvatore Borsellino.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati