Skip to content

L’allarme: «Mao è scomparso da martedì»

Arrivato a Grosseto da Pontedera anni fa, il micio è diventato subito la mascotte di piazza della Palma
Il gatto Mao, mascotte di piazza della Palma a Grosseto www.maremmaoggi.net
Il gatto Mao, mascotte di piazza della Palma

GROSSETO. Da martedì, il gatto Mao, mascotte di piazza della Palma, è scomparso da Grosseto. E l’appello per ritrovarlo è stato lanciato su Facebook da alcuni degli abitanti del centro, preoccupati per non averlo più visto. Probabilmente – come ha già fatto altre volte – Mao si è nascosto da qualche parte, visto il maltempo e la forte pioggia che negli ultimi giorni si è abbattuta sulla Maremma.

L’appello sui social per trovare il gatto

L’appello pubblicato da una delle abitanti di piazza della Palma è stato pubblicato immediatamente da Donatella Guerriero sul gruppo di Fb Cara Grosseto vorrei dire qualcosa. «Ci risiamo. Chiedo cortesemente ai miei contatti di condividere il più possibile – si legge nel post, accompagnato dalla foto del micio – Questo gattone di nome Mao è la mascotte del centro, soprattutto di piazza della Palma. Non lo vediamo da martedì e siamo tutti quanti preoccupati perché dovete sapere lui non ha una sola famiglia ma le ha tantissime. È entrato nella vita di tutti noi. Se qualcuno sa qualcosa o lo dovesse vedere per gentilezza scrivetemi oppure telefonate alla pizzeria Archetto. Vi prego condividete basta veramente poco».

Il gatto Mao scomparso a Grosseto www.maremmaoggi.net
Il gatto Mao

Il tam tam è cominciato subito, con tantissime condivisioni proprio per trovare il micio del quale il centro storico si è ormai innamorato. Da quando, anni fa, è arrivato in città con la sua proprietaria.

La storia del micio del centro

Mao non è nato a Grosseto, bensì è originario di Pontedera, in provincia di Pisa. «Quando mia madre si ammalò – racconta l’impresario Antonio Lauria – non poteva continuare a vivere da sola a Pontedera e così la portammo qua a Grosseto. Viveva in centro, vicino a noi. E con lei si trasferì anche Mao». Oggi la mascotte di piazza della Palma, che avrà circa 13 anni, è diventato il gatto di tante famiglie.

Mao dipinto dal Collettivo Clan in via Garibaldi a Grosseto www.maremmaoggi.net
Mao dipinto dal Collettivo Clan in via Garibaldi

La signora Giulietta Becherini, madre dell’imprenditore edile Lauria, si trasferì in un piccolo appartamento in piazza della Palma, un appartamento che a Mao, abituato a Pontedera, evidentemente doveva sembrare stretto. E infatti, subito dopo il suo arrivo, cominciò a entrare e a uscir dalla finestra di casa della donna. «Andava avanti e indietro continuamente – racconta Lauria – ed aveva già diverse famiglie che gli aprivano la porta di casa e gli davano da mangiare».

Mao è diventato un’icona, tanto da meritarsi un ritratto su una saracinesca di via Garibaldi, proprio lì dove ha sempre bazzicato fin da quando è arrivato a Grosseto.  Il progetto Trame infatti, che si occupa della riqualificazione urbana e che dall’anno scorso ha regalato colore e arte alla città grazie al collettivo Clan, non poteva non dedicare un omaggio al gatto superstar.

«Quando io e mia figlia lo incontriamo – dice ancora Lauria – si ferma e ci guarda, quasi come se si ricordasse di noi. È praticamente impossibile prenderlo: sono convinto che si sia nascosto da qualche parte». Un gattone intelligente, che aveva anche imparato a far aprire le porte di alcuni negozi per entrare. 

Mao insomma, è diventato giorno dopo giorno, patrimonio dell’umanità del centro storico. Mercoledì sarebbe stato avvistato vicino a piazza della Palma e probabilmente quindi, si è nascosto per il maltempo. Ora però, la preoccupazione si sta facendo strada: chiunque abbia notizie del gatto, lo segnali anche alla nostra redazione. Sui social di MaremmaOggi, facebook,, Instagram o ancora all’indirizzo email: redazione@maremmaoggi.net. 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati