Skip to content

A Sorano arriva internet veloce

Cablato Sorano e le frazioni di Montevitozzo, Elmo, San Valentino, Case Rocchi, Le Pianacce, Casetta, Montebuono Dispensa
Una vista di Sorano
Una vista di Sorano

SORANO. Sono terminati i lavori per il cablaggio, nel comune di Sorano e a breve cittadini e imprese potranno navigare su internet a un Gigabit al secondo. Già da ora chi è interessato può fare domanda agli operatori  presenti sul mercato per attivare il servizio e connettersi alla rete con tecnologia Ftth (Fiber to the home).

Sono 2046 unità immobiliari del borgo di Sorano e delle frazioni di Montevitozzo, Elmo, San Valentino, Case Rocchi, Le Pianacce, Casetta, Montebuono Dispensa, che sono state raggiunte dalla fibra. A queste località si aggiungono Sovana, già precedentemente coperte grazie ai lavori collegati per Pitigliano, e Castell’Ottieri, San Giovanni delle Contee, San Quirico e area Pip di San Quirico. Al momento restano fuori la frazione di Montorio in quanto era stata classificata come “facoltativa” dal bando 2018 di Infratel.

I lavori di cablaggio, realizzati dalla ditta Open Fiber nell’ambito del programma della Regione per portare la banda ultralarga con rete pubblica nelle aree interne e periferiche della Toscana, sono già stati conclusi nei comuni di Pitigliano, Seggiano, Santa Fiora, Roccalbegna, Semproniano.  L’investimento complessivo per i lavori in tutto il territorio regionale hanno richiesto un investimento di circa 1 milione e 114 mila, euro a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale.

«Con la conclusione dei lavori – afferma il sindaco di Sorano, Pierandrea Vanni – possiamo finalmente registrare un passo in avanti, anche se non tutto il territorio è ancora coperto, e quindi una boccata di ossigeno per i cittadini, le aziende e tutte le attività, in particolare quelle turistiche. Lo sottolineo perché il nostro territorio registra troppo spesso guasti alla rete telefonica fissa e una scarsa copertura da parte della telefonia mobile. Chiederò alla Regione, della quale riconosco lo sforzo, di verificare insieme che cosa è possibile fare per le zone non coperte dalla fibra».

Prima di richiedere l’attivazione del servizio, è opportuno consultare la mappa del cablaggio già realizzato e verificare la copertura della rete in fibra ottica attraverso il portale di servizio dell’azienda Open Fiber.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati