Skip to content

Incendio in una casa domato dai carabinieri eroi

Nella casa c’era un’anziana che è stata soccorsa e portata all’ospedale. A dare l’allarme è stata la badante
La cucina dov'è scoppiato l'incendio

SCANSANO. Quando i carabinieri di Scansano sono arrivati davanti a un’abitazione dalla quale era partita la richiesta di intervento per un principio d’incendio, non hanno aspettato nemmeno un minuto. I vigili del fuoco stavano arrivando ma il fumo aveva già invaso l’ingresso della casa e loro si sono precipitati dentro con l’estintore della macchina di servizio.

A dare l’allarme era stata una cinquantenne, che lavora nella casa come badante di un’anziana. La donna aveva visto una fiammata partire dalla cucina, causata da un corto circuito al contatore dell’energia elettrica: sopra alle fiamme c’erano però altri fili della corrente elettrica che stavano per essere attaccati dal fuoco.

I militari, valutata la situazione di pericolo, non hanno esitato ad entrare nella cucina, provvedendo prima di tutto a chiudere le bombole di gas, attaccate ai fuochi della cucina, per scongiurare un’esplosione e subito dopo si sono messi a spegnere l’incendio, che nel frattempo aveva lambito delle travi in legno del soffitto, utilizzando un estintore a polvere, installato all’interno della vettura di servizio.

Pochi minuti dopo è arrivato il personale del 118 della Misericordia di Scansano che ha visitato l’anziana, che è stata poi portata all’ospedale di Grosseto. La donna, assistita anche dai servizi sociali, fortunatamente non era in cattive condizioni. Giunti sul posto anche i vigili del fuoco di Grosseto, dopo aver messo in sicurezza l’abitazione, confermavano che l’incendio era stato provocato da un corto circuito. L’abitazione è rimasta agibile ma sarà necessario ripristinare l’impianto elettrico, da cui era scaturito l’incendio.

L’immediato intervento dei militari, che hanno subito pensato di servirsi dell’estintore montato sulla macchina di servizio per estinguere le fiamme, ha scongiurato ben più gravi conseguenze, sia per l’incolumità delle due donne sia per il loro immediato futuro: la casa sarà infatti presto di nuovo abitabile dall’anziana.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati