Skip to content

Il fiume Bruna messo in sicurezza dal Consorzio

Intervento di manutenzione ordinaria del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud. Bellacchi: «Eliminati i rischi in vista del maltempo». IL VIDEO
I lavori sul Bruna, a Macchiascandona
I lavori sul Bruna, a Macchiascandona

CASTIGLIONE .Si sta concludendo l’importante intervento di manutenzione ordinaria lungo il fiume Bruna del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud. Mezzi e uomini di Cb6 sono impegnati ormai da settimane su un tratto di oltre tre chilometri dell’importante corso d’acqua, da Macchiascandona verso valle.

La particolarità dell’intervento ha richiesto un impegno importante da parte del Consorzio: qui infatti si assiste a un accumulo consistente dei sedimenti sulle golene, che comportano un aumento del livello delle acque e il rischio crescente di esondazioni e alluvioni nelle aree circostanti, in cui si trovano abitazioni.

Agli scavi per la rimozione del materiale in esubero viene affiancata la ricalibratura della testa dell’argine: è infatti necessario che avvenga la compensazione dei sedimenti che vengono eliminati nelle golene.


LogoLEGGI ANCHE – Alluvione del 1966, colpa (anche) di Ricasoli. Ombrone ancora a rischio


«Il fiume Bruna rappresenta uno dei corsi d’acqua più importanti nel nostro bacino idrografico, cruciale per l’equilibrio di un’ampia zona della Maremma – afferma Fabio Bellacchi, presidente del Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud Est – e il piano della bonifica prevede costanti manutenzioni, unico modo per limitare il rischio idraulico nelle zone attraversate».

«Con questo lungo intervento – aggiunge il presidente di Cb6 – contiamo di aver garantito una maggiore sicurezza a chi abita in questa zona, in vista del possibile peggioramento delle condizioni atmosferiche nelle prossime settimane».

L’INTERVENTO VISTO DAL DRONE

 

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati