Skip to content

Il Cinemaniaco – Diabolik, il re del terrore

Torna al cinema dopo ben 53 anni il celebre personaggio dei fumetti, creato dalle sorelle Angela e Luciana Giussani
Diabolik, il re del terrore

GROSSETO. Quando, nel novembre del 1963, uscì in edicola il primo storico fumetto di Diabolik, costava 150 lire. Nessuno poteva immaginare che di lì a poco sarebbe diventato una vera icona in Italia e nel mondo. Il fumetto delle sorelle milanesi Angela e Luciana Giussani è infatti proseguito per 55 anni e circa 850 episodi.

Nel 1968 fu deciso anche di proporre il primo lungometraggio prodotto da Dino De Laurentis, che affidò la regia a Tonino Cervi subito licenziato, per affidare le riprese a Mario Bava. Il cast era a dir poco stellare per l’epoca: John Phillip Law/Diabolik, Marisa Mell/Eva Kant, Michel Piccoli/ispettore Ginko, Adolfo Celi/Ralph Valmont, Claudio Gora/il capo della polizia. Il budget altrettanto straordinario: 200 milioni (ne incassò però solo 265 di milioni), compresa la colonna sonora affidata a Ennio Morricone.

Ora, i fratelli Antonio e Marco Manetti aprono la strada delle gesta di Diabolik al nuovo millennio, con un cast di attori tutto italiano: Luca Marinelli/Diabolik, Miriam Leone/Eva Kant, Valerio Mastrandrea/ispettore Ginko. Manuel Agnelli è autore e interprete di due brani inediti della colonna sonora.

La trama

Come nei fumetti, il film è ambientato nella città immaginaria di Clerville, alla fine degli anni ’60. E Diabolik è il ladro in calzamaglia, dal volto misterioso, pronto a colpire e scappare dalla polizia sulla sua splendente Jaguar E-type, altra  inconfondibile icona del tempo. Eva Kant, affascinate e imperturbabile, conquista l’attenzione di Diabolik impegnato a rubare il celebre diamante rosa a un’ereditiera arrivata in città. .

Il film è liberamente ispirato al fumetto n° 3, “L’arresto di Diabolik” pubblicato il 1° marzo 1963 dove compare per la prima volta il personaggio di Eva Kant. Il nuovo Diabolik dei Manetti Bros. sembra avvicinarsi a una forma di racconto più classico, ma si risolve in un altro viaggio dei registi nei generi filmici, dopo l’horror (Zora la vampira, Paura 3D), il thriller (Piano 17), la fantascienza (L’arrivo di Wang) e soprattutto il musical (Song’e Napule, Ammore e malavita).

Diabolik (Ita 2021, commedia 133 minuti) Regia di Antonio Manetti e Marco Manetti, casa di produzione Mompracem con Rai Cinema, distribuzione 01 Distribution, produttore esecutivo Pier Giorgio Bellocchio, Laura Cantarino, sceneggiatura di Michelangelo La Neve, Antonio Manetti, Marco Manetto, fotografia Francesca Amitrano, montaggio Federico Maria Maneschi, musiche Pivio e Aldo De Scalzi

Cast: Luca Marinelli, Miriam Leone, Valerio Mastrandrea, Claudia Gerini, Vanessa Scalera, Serena Rossi, Alessandro Roja, Stefano Pesce, Lorenzo Pedrotti, Luca Di Giovanni, Antonio Iuorio.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati

error: Content is protected