Skip to content

Grosseto beffato al 92′ sul campo dell’Entella (1-0)

L’Entella ha messo a segno il gol vittoria su un calcio di rigore di Lescano
Emiliano Fratini in azione nella gara tra Grosseto ed Entella Chiavari (foto Noemy Lettieri Us Grosseto 1912)

Entella Chiavari-Grosseto 1-0

ENTELLA (4-3-1-2): Borra; Cleur, Coppolaro, Chiosa (dal 27’ s.t. Bruno), Barlocco; Lipani (dal 9’ st. Dessena), Paolucci (dal 37’ s.t. Meazzi), Karic; Capello (dal 27’ s.t. Merkaj); Magrassi (dal 9’ s.t. Morosini), Lescano. (Paroni, Bruno, Alessio, Banfi, Cicconi, Macca, Di Cosmo, Pavic). All. Volpe.

GROSSETO (3-5–2): Barosi; Siniega, Ciolli, Salvi; Raimo, Cretella (dal 41’ s.t. Ghisolfi), Fratini, Piccoli (dal 26’ s.t. Artioli), Semeraro (dal 41’ s.t. Verduci): Arras (dal 26’ s.t. Scaffidi), Dell’Agnello (dal 19’ p.t. Moscati). (Di Bonito, Marigosu, De Silvestro, Boccardi). All. Magrini.

ARBITRO: Cerchi di Carbonia (Minafra di Roma 2 e Nigri di Trieste).

RETI: nel s.t. 47’ Lescano.(rig.)

CHIAVARI. Al Grosseto non basta una prova generosa, una buona difesa, per uscire indenne dal campo della corazzata Entella Chiavari, retrocessa dalla serie B. I liguri, che hanno tenuto maggiormente il pallino del gioco, sono riusciti a scardinare la difesa biancorossa al 47’ della ripresa grazie ad un calcio di rigore realizzato da Lescano, concesso per un fallo di Siniega su Meazzi, anche se rimangono molto dubbi. Una beffa per un Grifone che stava assaporando un punto conquistato con i denti, al termine di una partita che è stata sempre in mano ai padroni di casa, che hanno avuto qualche occasione per vincere la partita, ma senza però mettere alle corde una squadra che con il nuovo moduli, con tre difensori e cinque centrocampisti, ha retto molto meglio delle ultime settimane l’urto di una squadra costruita per rimanere ai vertici. 

Barosi ha sempre rintuzzato ogni offensiva, a cominciare dal tiro dalla sinistra di Karic all’11 ‘ deviato in angolo dall’estremo difensore biancorosso.  I locali hanno colpito un palo con Morosini al 70’ con un tiro dal limite e una traversa sul colpo di testa di Dessena al 78’.

Il Grosseto, che dopo solo un quarto d’ora ha dovuto rinunciare all’infortunato Dell’Agnello, ha avuto un paio di buone opportunità: al 41’  Arras è partito in contropiede, ha rimesso al centro ma Barlocco ha evitato il peggio. All’84’ Raimo si accentra, ma il suo tiro viene murato da Borra. Un po’ poco però per muovere la classifica e aumentare il numero delle reti segnate.

«Il gioco non mi è piaciuto tanto – è stato il commento finale di mister Lamberto Magrini  perché abbiamo cercato di contenere. Sono stati nettamente superiori a noi, ma fa male aver preso un rigore, molto dubbio, dopo aver perso un contratto a centrocampo. Abbiamo comunque controllato molto bene gli avversari e i tre centrali sono stati molto bravi»

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati