Skip to content

Grosseto-Siena: due lotti fermi, uno appaltato

Ancora incertezze per il lotto 4 e la galleria di Pari. Arriva invece il bando per il lotto 9
La galleria di Casale di Pari

GROSSETO. Un pezzetto alla volta, piano piano, senza fretta. Ma, almeno sulla carta, i tre pezzi mancanti della E78 Grosseto-Fano, nel tratto fino a Siena, sono almeno nella macchina della burocrazia. Che non si capisce se sia un bene o un male, ma almeno non sono del tutto dimenticati.

Al momento i circa 70 km sono un percorso a ostacoli, perché mancano ancora il lotto 4, subito dopo Civitella, la galleria di Pari e, più vicino a Siena, dove ci sono le risaie, il lotto 9.

Bandi e cantieri da aprire, com’è la situazione

Il lotto 4, da Civitella Marittima al Lanzo, poco meno di 3 km, è già stato consegnato “in modo parziale” alla ditta nel 2020, ma in oltre un anno non è stato fatto assolutamente nulla. Perché mancava l’autorizzazione per le bonifiche dal ministero. Autorizzazione arrivata proprio in questi giorni. Intanto, però, si è perso un anno. Quindi la consegna dei lavori, prevista per la fine del 2023, slitterà.

Grosseto-Siena, il lotto 4
Grosseto-Siena, il lotto 4

Ferma da tempo è la galleria di Casale di Pari. Va riqualificata la vecchia, al momento chiusa. Nell’agosto scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara d’appalto. «L’intervento – spiega Anas – per un investimento complessivo di 35,1 milioni di euro, dei quali 28,3 milioni per lavori, riguarda in particolare la riqualificazione del vecchio tunnel, attualmente chiuso con transito deviato a doppio senso di marcia sulla nuova galleria, realizzata nell’ambito dei lavori di raddoppio a quattro corsie».

Arriva in questi giorni, invece, il bando da 145 milioni di euro per lavori di adeguamento del tratto a quattro corsie fra Grosseto e Siena – lotto 9 e il relativo servizio di monitoraggio ambientale in corso d’opera per l’itinerario della Grosseto – Fano (E78). L’opera è oggetto di commissariamento, il commissario è Massimo Simonini, ad di Anas. Che poi è l’azienda che appalta i lavori.

I lavori del lotto 9 della Grosseto – Fano (E78) consisteranno  nell’adeguamento a quattro corsie della SS223 “di Paganico” per un tratto di 11,8 km compreso tra gli svincoli di Iesa e San Rocco a Pilli, nei comuni di Sovicille, Murlo e Monticiano, in provincia di Siena, mediante la realizzazione di una nuova carreggiata in affiancamento a quella esistente.

Grosseto-Siena, il lotto 9
Grosseto-Siena, il lotto 9

L’intervento comprende anche la realizzazione di complanari per il raccordo alla viabilità locale, tre svincoli a livelli sfalsati, oltre all’adeguamento della carreggiata esistente. Le opere d’arte principali consistono in due viadotti (Merse e Ornate), quattro cavalcavia e tre sottovia. Sono previste inoltre opere d’arte minori, tra cui opere di attraversamento idraulico, impianti di illuminazione, segnaletica, barriere di sicurezza e antirumore, nonché opere di sostegno.

Marras e Spadi in coro: finalmente

«Positiva la notizia del via all’appalto per i lavori sul lotto 9 della Grosseto-Fano, il commento inevitabile è finalmente! Come tutti ben sappiamo si tratta di una strada fondamentale per la viabilità della nostra provincia e dell’intera Toscana del sud, la cui funzionalità ha ripercussioni sull’economia e sul turismo dell’area oltreché, ovviamente, sulla sicurezza». Così Leonardo Marras, assessore all’economia e al turismo della Regione Toscana e Donatella Spadi, consigliera regionale. «Adesso l’auspicio è che vengano rispettati i tempi per la realizzazione dei lavori così da avere, in pochi anni, una strada moderna e sicura».

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati