Skip to content

Ex Garibaldi, via ai lavori di riqualificazione

Il cantiere è stato finalmente aperto: la struttura accoglierà la Casa della musica e sarà dotata di un auditorium
Il sindaco con gli assessori visitano il cantiere dell'ex Garibaldi
Il sindaco con gli assessori visitano il cantiere dell’ex Garibaldi

GROSSETO. Ex Garibaldi: partono i lavori di riqualificazione grazie ai due progetti che porteranno lo stabile ad un restyling completo. Da una parte il progetto di restauro e ristrutturazione del piano terra e primo piano dell’immobile per un valore di 1.200.000 euro, dall’altra quello di realizzazione della Casa della Musica come riqualificazione, rivitalizzazione del fabbricato, per un valore di 2.600.000 euro, con il quale il Comune parteciperà anche al bando previsto dal Decreto per la rigenerazione urbana che prevede l’assegnazione alle pubbliche amministrazioni di contributi per investimenti in progetti volti alla riduzione dei fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale.

Una casa per tutti musicisti

L’immagine di Grosseto, per l’amministrazione, sarà rilanciata anche dal recupero di quello spazio, uno dei “buchi neri” a due passi dalla stazione. L’intervento consentirà la rifunzionalizzazione del fabbricato in una nuova struttura a destinazione sociale, la “Casa della Musica” che vedrebbe il completamento e la riqualificazione degli spazi al piano secondo in cui, in continuità con l’intervento ai piani sottostanti, è prevista la realizzazione di ambienti adeguati per i laboratori musicali, le sale di prova e d’istruzione destinate a scuole di musica ed istituti corali presenti nel Comune, il restauro e risanamento conservativo e adeguamento normativo dei parametri murari esterni e la realizzazione dell’Auditorium, il volume in ampliamento concepito come spazio civico all’aperto costruito in aderenza agli attuali corpi di fabbrica, a testimonianza della porzione di fabbricato crollata negli anni ’80 e a simboleggiare la rinascita dell’edificio come luogo della collettività, e le aree di pertinenza esterne.

«Oggi partiamo con il primo progetto che prevede la demolizione di pavimenti, rivestimenti, infissi interni ed esterni, intonaci ed impianti – ha detto il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna –  le opere strutturali prevedono la ricostruzione di una parte del solaio, la ricostruzione di una parte del tetto, il consolidamento di alcuni tramezzi e la costruzione di una scala esterna in acciaio di sicurezza; il rifacimento degli impianti elettrico e termoidraulico e antincendio; finiture e infissi. In una fase successiva invece, procederemo al restauro e ristrutturazione del secondo piano dell’immobile, al restauro e risanamento conservativo delle facciate e alla riqualificazione delle pertinenze su via Mameli fino alla realizzazione dell’Auditorium e del “Parco del Suono” negli spazi esterni. Ringrazio tutta l’amministrazione che ha lavorato in questi anni per raggiungere un traguardo importante».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati