Skip to content

Culicchi: l’assessore al commercio sarà un commerciante

E il segretario Pd Enrico Letta: «Queste per Grosseto sono le elezioni più importanti del dopoguerra»

GROSSETO. Davanti a Enrico Letta, segretario del Pd che si candida alle suppletive a Siena per la Camera, mercoledì sera in piazza San Francesco, il candidato a sindaco Leonardo Culicchi ha speso una promessa importante: «Il prossimo assessore al commercio sarà uno di voi». Insomma, nel momento in cui è alta in città la discussione, e la polemica, sul possibile ampliamento dei centri commerciali, il candidato strizza l’occhio a tutti quei commercianti, e alle loro associazioni, che da questa eventualità si sentono danneggiati.

Enrico Letta: sono le elezioni più importanti del dopoguerra

Poi è stato il turno di Enrico Letta. Che non le ha mandate a dire al sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna. «Stasera farò un discorso che sia l’esatto opposto del comiziaccio che ha fatto il vostro sindaco pro tempore. Abbiamo di fronte un’occasione unica per Grosseto, la Toscana e l’Italia, in un momento storico che non tornerà mai più. Dovete fare il massimo fino al voto e nelle prossime due settimane. Queste sono le più importanti elezioni comunali a Grosseto della storia dell’Italia repubblicana».

«Quando mai in questa terra ci siamo trovati a gestire tanti soldi come quelli che arriveranno dal Pnrr. Vale per tutti i problemi che sono rimasti aperti per mancanza di finanziamenti. Nei prossimi cinque anni ci saranno le risposte. Sta a noi decidere se questa risposta sarà reale e concreta, in sintonia con Regione e governo, o sarà buttata via. Avete la possibilità di cogliere questa occasione, votando Leonardo sindaco».

Al centro il grande tema delle infrastrutture

Letta lo dice con chiarezza. Il tema delle infrastrutture è centrale. Per l’Italia, la Toscana e la Maremma in particolare: «I soldi europei che arrivano vanno usati bene per completare tutte le strade che sapete. E anche per sistemare la linea ferroviaria. Ora si può uscire dall’isolamento in cui stiamo oggi

Rilanciare i piccoli borghi

Il grande tema del territorio è il secondo punto. I piccoli borghi. «Ce ne sono tantissimi, penso a Montepescali. Nel Pnrr c’è un miliardo di euro per i piccoli borghi. C’è la possibilità di incentivare fiscalmente la riaperture dei piccoli negozi nei borghi. Adesso chiude prima l’edicola, poi il panificio, infine il bar. E ora c’è la possibilità di ripartire. Io sono impegnato in una campagna elettorale difficile nel collegio Siena-Arezzo, dove ci sono problematiche complesse. Ho percepito che il nostro paese è uscito dalla pandemia con una voglia matta di riparlarsi con le persone guardandosi negli occhi. C’è voglia di voltare pagina. Siamo in rimonta ovunque, ce la faremo. Vincerò io e vincerà Leonardo».

 

 

Sempre informato con Maremma Oggi – Iscriviti ai canali Telegram e YouTube

 

 

Condividi

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter

Articoli correlati