Skip to content

Covid, 565 contagi e sale il tasso di positività

Scendono di 100 i nuovi positivi, ma diminuiscono anche i tamponi processati. Tasso di positività al 21,4 per cento
Il reparto di malattie infettive Covid dell'ospedale di Grosseto

GROSSETO. Sono 100 di meno i nuovi contagi in provincia di Grosseto, secondo il report della Asl riferito alla giornata di ieri, 11 gennaio565, contro i 666 del giorno prima, quando tuttavia il numero di tamponi era più alto: 3.505, contro i 2.640. A salire dunque è il numero di positivi ogni 100 test processati, vero indice dell’andamento della pandemia, che supera di nuovo il 20 per cento (21,4).

I letti occupati in malattie infettive e in rianimazione sono fermi rispettivamente a 46 e a 7, per un totale di 53 ricoverati nella bolla Covid del Misericordia.

E la maggior parte dei nuovi positivi (499 su 565) hanno un’età compresa tra zero e 64 anni, con una predominanza (138 casi) nella fascia 50-64 anni, per la quale è stato reso obbligatorio il vaccino. A essere colpiti, con 135 casi sono anche i 35-49enni, con 135 casi, ma anche nelle fasce inferiori il numero non scende sotto 100.

Attualmente, le persone in carico all’Asl sono 3.359 e 1.008 i contatti stretti in quarantena. I guariti sono 436.

I positivi comune per comune

Se Grosseto e Follonica, i comuni più popolosi della provincia restano quelli maggiormente colpiti, rispettivamente con 220 e 60 casi, balzano agli occhi i 37 di Orbetello e i 29 casi segnalati a Gavorrano. Nel resto del territorio, 21 sono i nuovi positivi a Roccastrada, 20 a Castiglione della Pescaia e Castel del Piano, 18 a Santa Fiora, 16 a Massa Marittima e 15 a Scarlino, 14 a Pitigliano e Arcidosso, 13 a Monte Argentario, 12 a Manciano, 11 a Capalbio e Scansano, 8 a Montieri e a Seggiano, 6 a Civitella Paganico e a Cinigiano, 4 a Magliano in Toscana e a Sorano, 2 a Campagnatico e a Castell’Azzara, 1 a Isola del Giglio, Monterotondo Marittimo, Roccalbegna e Semproniano.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati