Skip to content

Coppa Italia, Grifone battuto a Pescara

Una rete per tempo, Moscati si fa parare un rigore. Finisce 2-0
Pescara-Grosseto
Un momento di Pescara-Grosseto, al centro Ghisolfi, di spalle Ciolli

PESCARA-GROSSETO 2-0

PESCARA (3-4-3): Sorrentino; Ingrosso, Veroli, Illanes; Zappella (46′ Cancellotti), Rizzo, Diambo (75′  Sanogo), Nzita (46′  Rasi); D’Ursi (63′ Delle Monache), Ferrari (81′, Valdifiori), Galano. (Radaelli, Di Gennaro, Pompetti, De Marchi, Drudi, Frascatore, Clemenza). All. Gaetano Auteri.

GROSSETO (4-3-1-2) Fallani; Biancon (71′ Raimo), Salvi, Ciolli (57′ Siniega), Verduci; Piccoli (57′ Cretella), Fratini, Artioli; Ghisolfi (57′ Serena); Moscati, De Silvestro (46′ Marigosu) (Barosi, Semeraro, Vrdoljak, Salvadori, Tiberi). All. Lamberto Magrini.
ARBITRO: Taricone di Perugia.

RETI: nel p.t. al 30’ Zappella; nel s.t al 6’ D’Ursi.
NOTE: ammoniti Ghisolfi. Angoli 7-4.

PESCARA. Il Grifone saluta la Coppa Italia battuto con un gol per tempo dal Pescara. I biancorossi, che si sono presentati allo stadio Adriatico con una formazione rivoluzionata rispetto a domenica scorsa,  hanno giocato a viso aperto con la capolista del girone B creando diverse occasioni e recriminando anche per un calcio di rigore fallito da Pippo Moscati che avrebbe riaperto la gara.

La formazione di casa dopo aver rischiato grosso sui tentativi di Moscati e Ghisolfi, si è portata in vantaggio al 40’ con un tiro da due passi di Zappella, ben servito da Nzita.

Nella ripresa il Grosseto subisce il raddoppio dopo appena sei minuti: D’Ursi riprende una respinta del portiere Fallani e mette in rete. Ciolli e compagni non s’arrendono e al 27’ arriva l’occasione di rientrare in partita grazie concesso per un fallo del portiere sorrentino su Moscati. Lo stesso attaccante bianco rosso tira troppo centralmente permettendo la respinta del portiere. La partita del Grosseto finisce qui, anche se prima del triplice fischio ci provano Verduci, Marigosu, Artioli e Fratini. Un gol sarebbe stato anche meritato, nonostante la differenza di valori. Adesso testa alla trasferta di Carrara per conservare l’imbattibilità in campionato.

Parla il tecnico  Magrini

«Sono contento – ha detto il tecnico Lamberto Magrini a fine gara – perché i miei ragazzi hanno messo in pratica quello che proviamo in settimana. La gara è stata aperta, specialmente nel primo tempo, con il Grosseto che ha cercato la rete e l’ha sfiorata in due-tre occasioni. Nella ripresa per mezz’ora è stato il Pescara, una squadra costruita per vincere il campionato. a comandare il gioco. La gara c’è comunque servita a dare minutaggio ai quattro-cinque ragazzi che ai sono aggregati di recente».

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati