Skip to content

Ambra incontra il presidente Mattarella

La campionessa paraolimpica di Porto Ercole è stata scelta come modello positivo nella cittadinanza attiva dalla Regione Toscana per la giornata dedicata al progetto GiovaniSì a San Rossore
Alcune immagini del trionfo di Ambra Sabatini a Tokyo

GROSSETO. Mancano due giorni a “SietePresente”, l’iniziativa organizzata nei dieci anni del progetto Giovanisì della Regione Toscana, e tutto è pronto alla villa del Gombo nella tenuta di San Rossore a Pisa, dove lunedì 18 ottobre 80  giovani tra 18 e 40 anni si confronteranno nel primo evento partecipativo della legislatura per elaborare e suggerire insieme le politiche culturali regionali del prossimo futuro da finanziare con risorse pubbliche. Lavoreranno, sotto la guida di mediatori ed esperti, dalle 9 della mattina fino a sera, quando attorno alle 20 illustreranno in sintesi riflessioni e proposte. Con loro per circa un’ora, tra mezzogiorno e le una, ci sarà anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

I giovani e Mattarella

Il presidente Mattarella, nell’ora che trascorrerà alla villa del Gombo, ascolterà nell’Arena, una tensostruttura allestita per l’occasione con 200 posti, le testimonianze di alcuni giovani toscani, modelli positivi di cittadinanza attiva, provenienti dal mondo della sanità, dell’innovazione, della sostenibilità ambientale e dello sport.

Si racconteranno al presidente Damiano Brachitta, 34 anni e medico all’Asl Toscana Nord Ovest, la ventiseienne infermiera di famiglia Rebecca Donato, Tommasi Ceccanti (25 anni) che si occupa di economia circolare e sostenibilità, e la medaglia d’oro a Tokyo 2021 Ambra Sabatini, l’atleta paraolimpica di appena 19 anni che ha fatto sognare l’Italia con un podio tutto azzurro, la più veloce nei cento metri.

Prima di loro interverranno sul palco il presidente Eugenio Giani, il sindaco di Pisa Michele Conti e il consigliere del presidente Bernard Dika. In platea, accanto a numerose autorità (tra cui il ministro dell’Università e della ricerca Cristina Messa e il sottosegretario al ministero della Salute Pierpaolo Sileri), troveranno posto altri giovani: cinquanta studenti di licei di Pisa, Lucca e Livorno, allievi dell’Accademia navale, della Scuola militare di aeronautica e della Scuola Marescialli e Brigadieri dei carabinieri, operatori sanitari, volontari in associazioni di pronto soccorso o che si occupano di persone con disabilità, ragazze e ragazzi del servizio civile regionale e scout.

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati

error: Content is protected