Skip to content

Ha aiutato nostro figlio investito, vorremmo ringraziarlo

L’appello di Valentina e Andrea: «Nostro figlio investito sulle strisce è stato assistito da un gentile signore, ci terremmo a stringergli la mano»
Il punto di viale Caravaggio dove, lunedì 29 alle 7,40 è avvenuto l’incidente

GROSSETO. Un bel gesto, di quelli rari. Ecco perché Valentina Barbaro e Andrea Sapienza, genitori di Lodovico Giovanni, 14 anni, fanno un appello per rintracciare la persona che ha aiutato loro figlio dopo che è stato investito sulle strisce, lunedì 29 mattina, poco prima delle 8.

L’incidente sulle strisce di viale Caravaggio

Lodovico Giovanni, come ogni mattina, sta andando a scuola all’Agrario, alla Cittadella dello Studente. Sono le 7,40. Attraversa sulle strisce di viale Caravaggio ma una macchina, per una banale distrazione, lo prende in pieno, insieme a un suo amico. Cadono a terra, doloranti. Si ferma un signore, assiste i ragazzi, sta con loro. Li aiuta a chiamare i soccorsi, aspetta che arrivino. Quando salgono sull’ambulanza, ormai al sicuro, se ne va.

Uno dei due ragazzi, per fortuna, viene dimesso subito. Lodovico resta in ospedale una notte per accertamenti, ma non ha nulla di grave. Anche per lui solo un grande spavento e qualche contusione che passerà in fretta.

L’appello per trovare la persona che ha aiutato il figlio

Valentina e Andrea sono con Lodovico Giovanni in ospedale, ma lanciano un appello, lei fa anche un post sul gruppo Cara Grosseto vorrei dire qualcosa: «Quel signore che si è preso cura di nostro figlio ha fatto qualcosa che non è per niente scontato. È stato vicino a nostro figlio e al suo amico, ha atteso i soccorsi, li ha tranquillizzati. Vorremmo ringraziarlo, ci farebbe piacere davvero tanto».

Il post di Valentina su Cara Grosseto vorrei dire qualcosa...
Il post di Valentina su Cara Grosseto vorrei dire qualcosa…

Se il gentile protagonista di questa vicenda vuole, può scrivere anche alla nostra redazione all’email redazione@maremmaoggi.net.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati