Skip to content

Addio Aldo, il re degli arcieri di Castiglione

Paradisi aveva appena 64 anni: faceva parte del gruppo degli arcieri del Tiburzi. Un malore nella notte gli è stato fatale
Aldo Paradisi - maremmaoggi.net
Aldo Paradisi a una manifestazione degli Arcieri del Tiburzi

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Brutto risveglio martedì 14 dicembre per la comunità di Castiglione della Pescaia: nella notte si è spento a 64 anni Aldo Paradisi, conosciutissimo in paese, titolare della Lavanderia Paradisi alla zona industriale.

A stroncare Paradisi è stato con molta probabilità un infarto.

 

Aldo faceva anche parte della squadra Covo 09 – Arcieri del TiAldo Paradisi - maremmaoggi.netburzi, anche se negli ultimi tempi aveva diradato la sua presenza al campo di tiro, forse a causa proprio di qualche problema cardiaco che lo aveva rallentato nella sua passione. Paradisi anche per il suo lavoro era conosciutissimo, una persona molto mite e sempre pronta al dialogo in ogni circostanza, anche nella politica.

Ado lascia la moglie Ornella Temperani, maestra conosciutissima e molto stimata a Castiglione della Pescaia e i figli Riccardo e Tommaso. I funerali dell’arciere saranno celebrati giovedì 16 dicembre alle 15 alla chiesa di Santa Maria Goretti.

Alla famiglia di Paradisi sono arrivate le condoglianze della società di hockey di Castiglione della Pescaia. «L’Hc Castiglione, il suo presidente Marcello Pericoli, tutto il consiglio direttivo, gli allenatori e i giocatori – si legge –  esprimono le più sincere condoglianze alla famiglia di Aldo Paradisi, venuto a mancare questa mattina. Aldo non era solo un amico dell’Hc, ne era stato un fondatore e giocatore agli inizi degli anni Settanta, facendo la sua parte anche nei veterani. Una figura di riferimento per la vicinanza che ha sempre dimostrato negli anni alla società, non facendo mai mancare il suo contributo. Ciao Aldo che la terra ti sia lieve».

Condoglianze alle quali si sono aggiunte anche quelle di Luciano Roscini, presidente degli arcieri del Tiburzi.

Anche Cna, associazione alla quale era iscritto l’imprenditore, è a lutto. «La notizia ci ha lasciato sgomenti – dicono il presidente di Cna Grosseto Riccardo Breda e il direttore Anna Rita Bramerini – e facciamo le nostre più sentite condoglianze, a nome di tutta l’associazione alla moglie e ai due figli».

Paradisi, che aveva preso le redini dell’attività di famiglia, operativa da oltre cinquant’anni a Castiglione della Pescaia, è sempre stato un associato molto presente all’interno della Cna: sia nelle attività del comitato di zona, sia come membro dell’assemblea territoriale.

 

 

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati