Skip to content

Addio al benefattore Tarquinio Tarquini

Grandissimo appassionato di arte, aveva donato la sua collezione alla città di Grosseto in ricordo della moglie Algisa
Pino Tarquini
Tarquinio Pino Tarquini

GROSSETO. Tarquinio Pino Tarquini ci ha lasciati. L’uomo, 86 anni, è deceduto mercoledì 12 gennaio all’ospedale di Castel del Piano, dove era ricoverato dal dicembre scorso. Pino era una persona profondamente buona, con una vita suddivisa tra solidarietà e amore per l’arte.

Famoso per il suo supermarket in via Aquileia, raggiunta la meritata pensione, si è dedicato al collezionismo di opere d’arte pittoriche. Infatti,  insieme alla moglie, aveva raccolto una collezione imponente, con ventisette opere di maestri del calibro di Alinari, Guttuso, Maccari, Possenti, Saetti, Sughi, Bueno, Festa e De Micheli, che aveva poi deciso di donare alla città nel 2016, in memoria della moglie, che nel frattempo era venuta a mancare.

«L’importanza della donazione – scriveva Mauro Papa, direttore di Clarisse Arte,  nel catalogo della pinacoteca – è legata all’organicità di una raccolta che riflette non solo il gusto e la sensibilità personale di un collezionista appassionato m anche della storia culturale del capoluogo maremmano nella seconda metà del secolo scorso. Il valore di questa collezione, inoltre, deriva dal fatto che tutte le opere sono autenticate e, in molti casi, registrate nei cataloghi generali delle opere degli artisti. La cura con cui ha raccolto queste opere testimonia il personale desiderio di conoscenza che, a un certo punto, è diventato necessario complemento della gioia e del piacere estetico di possedere opere d’arte».

Molto significativa è stata poi la sua presenza nei ranghi della Caritas Diocesana di Grosseto, per la quale si è adoperato per anni. I funerali di Tarquinio Pino Tarquini sono previsti mercoledì 13 gennaio alle 15 a Polverava, suo paese natale, dove, dopo la cerimonia funebre, sarà tumulato nel piccolo cimitero del paese, accanto alla sua amata Algisa e al fratello Domenico.

Condividi su

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on linkedin
Share on twitter

Articoli correlati